Ritratto del conte G. Orlov in Lats – Fedor Rokotov

Ritratto del conte G. Orlov in Lats   Fedor Rokotov

Il ritratto del conte G. G. Orlova in armatura è stato a lungo attribuito a L. Toke, un artista francese alla corte di Elizaveta Petrovna. A. V. Lebedev appartiene all’attribuzione dell’opera di F. S. Rokotov e alla nuova datazione del ritratto. Il ricercatore ha giustamente notato che “Tok non poteva scrivere un ritratto di Orlov, poiché l’artista lasciò la Russia nel 1758, quando G. Orlov era ancora” il più basso ufficiale dell’esercito e nient’altro che un tenente “che era in guerra, e la sua immagine in il nastro dell’Ordine poteva essere scritto solo dopo l’elevazione, cioè non prima della seconda metà del 1762.

Il ritratto di Rokotov corrisponde esattamente a questo periodo, poiché il preferito di Catherine ostenta quei segni molto onorari che ha ricevuto nel 1762. Grigory Grigorievich Orlov – uno dei cinque fratelli ozvysivshihsya sotto Caterina II.

Nel 1759, Orlov, in sostituzione di Stanislav Ponyatovsky, divenne il favorito di Catherine Alexeevna, allora principe ereditario. Era, ovviamente, un uomo straordinario: un eroe, un uomo forte, un ufficiale coraggioso, “certamente l’uomo più bello dell’Impero”, così disse il suo amato incoronato attorno a lui. Disperatamente coraggioso e risoluto, Orlov, insieme ai suoi fratelli, divenne la forza che installò Cather II sul trono al colpo di stato del 28 giugno 1762. In segno di gratitudine, la nuova imperatrice concesse a Orlov un conte di dignità e vaste proprietà.

Grigory Grigorievich, inoltre, ricevette il grado di un vero ciambellano della corte, a cui il grado di maggiore generale corrispondeva all’esercito.

Il ritratto di Orlov è raffigurato nel momento in cui è all’apice del successo e della fama. Non c’è né la misteriosa nebulosa di Rokotov, né complesse sfumature di colore sulla tela – tutto è estremamente chiaro, e quindi i ricercatori hanno dubitato a lungo se Rokotov abbia scritto questa cosa: quindi, come è stato espresso da I. Grabar, i “rokotoids” sono rimasti molto appesi nei musei. Sulla tela rokotovsky, un semplice guerriero guerriero, solo un influente nobile con ordini e altri segni di alto livello. È in armatura, che già in quell’epoca sembrava una finzione; la mano destra giace con grazia sull’elmetto e la sinistra, con un mignolo premurosamente messo da parte, giace sull’elsa della spada.

Con tutto il carattere cerimoniale trasmesso con precisione: visibile e forza, potenza e determinazione del guardiano, “nel caso”.

Gregorio G. rimase a lungo non sposato marito di Caterina II. Il frutto del loro amore fu il figlio Alex, che in seguito ricevette il cognome Bobrinsky e il titolo di conte. , interpretato da Rokotov. Probabilmente, avevano anche una figlia, Natalia, in seguito contessa Buksgevden.

Orlov ha cercato di entrare in un matrimonio legale con Caterina II, la questione è stata discussa in tribunale, ma sono intervenuti consiglieri furbi, che alla fine hanno sconvolto il piano del leader. L’imperatrice costruì un palazzo di marmo per la sua “amica del cuore”, si assicurò il titolo di Principe dell’Impero Romano, presentò un castello a Ropsha prima delle disgrazie.

Il maniero Orlovyh vicino a Mosca divenne Semenovskaya Joy. Nel 1771, Orlov represse la rivolta della “peste” a Mosca. Durante la prima guerra turca, avanzò un piano per la liberazione della Grecia e insistette per inviare una flotta nel Mediterraneo.

Quindi guidò la delegazione inviata a concludere un trattato di pace, ma, presa dalla pazienza per i ritardi diplomatici, interruppe i negoziati, provocando il dispiacere dell’imperatrice. Il suo posto sotto Ekaterina Alekseevna era già stato preso da Vasilchikov e Orlov dovette lasciare temporaneamente Pietroburgo. Dal 1775, si ritirò, perdendo definitivamente la sua influenza dopo l’elevazione di G. A. Potemkin, con il quale, secondo molte testimonianze, la regina si sposò segretamente.

Grigory Orlov non si distinse per una mente di stato eccezionale, ma cercò di integrare la sua educazione nel campo delle scienze naturali.

L’ex poliziotto precipitoso divenne uno dei fondatori della Free Economic Society, che, su sua iniziativa, annunciò un argomento di discussione pubblica: “Il talento della proprietà per i contadini è utile?” Lo stesso Orlov ha scritto un lavoro sull’agronomia, che contiene molti saggi consigli sulla cura della terra. Ha partecipato alla Commissione sulla stesura del Codice ed è stato eletto ai commissari della commissione, ma ha rifiutato questo titolo. Nel 1777, Orlov sposò sua cugina Ekaterina Nikolaevna Zinovieva, la damigella d’onore dell’imperatrice.

Tuttavia, il matrimonio ebbe vita breve: quattro anni dopo, Ekaterina Nikolaevna morì. Dopo la sua morte, Orlov cadde in un disturbo mentale e morì anche nel 1783. Progeny Orlov non se ne andò