Ritratto degli artisti P. D. e A. D. Korinykh – Mikhail Nesterov

Ritratto degli artisti P. D. e A. D. Korinykh   Mikhail Nesterov

Il ritratto ha suscitato ammirazione per l’enorme abilità con cui è stato scritto, con una caratteristica estremamente precisa e allo stesso tempo amorevole delle persone rappresentate, la severità e l’armonia della composizione e della combinazione di colori. Sconcertati, gli spettatori scrutarono l’etichetta – “M. V. Nesterov.

Ritratto dei fratelli Corin. 1930 anni.

Molti di loro non potevano immaginare che il creatore del ritratto fosse lo “stesso” Nesterov, il famoso artista russo, sull’orlo di un secolo che glorificava il suo nome con dipinti su temi religiosi e dipinti di cattedrali. È vero, alcuni dei visitatori più sofisticati della mostra hanno ricordato un ritratto così speciale e poetico della figlia di Nesterov, “Amazon”, nel Museo russo, sull’eccellente ritratto della moglie dell’artista nella Galleria Tretyakov. E divenne chiaro che il percorso di Nesterov – un artista, come molti pensavano di un’era passata, non solo non era finito, ma il maestro era in un periodo di nuovo periodo di massimo splendore creativo e, soprattutto, occupava un posto significativo nell’arte sovietica.

I personaggi nel ritratto di Nesterov, gli artisti dei fratelli Corina, erano relativamente poco conosciuti in quel momento. Con Nesterov, i giovani pittori erano legati da relazioni amichevoli e cordiali a lungo termine. Due decenni separarono il tempo di scrivere un ritratto dal giorno in cui il giovane Paleshanin Pavel Dmitrievich Korin arrivò a Nesterov – ora un accademico, artista del popolo dell’URSS, allora studente della “camera della pittura di icone”, che ricorda Gyrlandaio e Pinturicchio dalla sua giovinezza. È diventato un assistente attivo e studente devoto di un grande artista.

Alcuni anni dopo, il fratello minore Alexander Dmitrievich, il più grande restauratore sovietico in futuro, si avvicinò a Nesterov.

Al momento della stesura del ritratto, Corina era nel pieno della sua vita. Nesterov amava e apprezzava i giovani artisti per la chiarezza e la fermezza dei loro punti di vista, la dedizione al loro obiettivo di vita previsto, la vigilanza delle attività creative. “Finché esistono, non mi stancherò di ammirarli”, scrisse a uno dei suoi amici, “per ammirare le loro qualità morali e spirituali… Entrambi i fratelli mi danno molta gioia per molto tempo.” Nel 1930, nel tentativo di catturare le immagini di persone che gli sono vicine, Nesterov crea un’opera eccezionale che riassume i suoi molti anni di ricerca ed è allo stesso tempo il punto di partenza per il suo ulteriore lavoro nel campo della ritrattistica.