Ritratti della coppia Trabuc – Vincen Van Gogh

Ritratti della coppia Trabuc   Vincen Van Gogh

Vincent van Gogh dipinse due ritratti della coppia Trabuc: un ritratto di Charles-Elzear Trabuck e sua moglie, Jeanne Lafouis Trabuc. Queste tele sono notevoli sia dal punto di vista dell’esecuzione che dal punto di vista della loro storia. A proposito del ritratto di Trabuc, stagista all’ospedale Saint-Polish, Van Gogh ha scritto: Forse scriverò sua moglie, perché è sposato e vive in una casa a due passi dall’ospedale.

Faccia molto interessante A Legros, se ricordi, c’è una piccola incisione con l’immagine di un nobile spagnolo, e quindi grazie a lei puoi avere un’idea del tipo. Quest’uomo ha sofferto molto: ha lavorato nell’ospedale di Marsiglia durante due epidemie di colera. Vide un’incredibile quantità di sofferenza e morte e il suo viso esprime una calma contemplazione.

Allo stesso tempo, è impossibile non ricordare la faccia di Guizot: c’è qualcosa di lui qui, ma qualcosa di diverso. È un uomo del popolo, e non così intricato. In ogni caso, vedrai questa faccia se il ritratto ha successo e ne farò una copia. St. Remy, 5 o 6 settembre 1889.

A Vincent piaceva la compagnia del signor Trabuc. In effetti, il biografo del pittore David Sweetman suggerisce che “Trabuc, nel ruolo di un padre e di una persona vicina alla gente, ha sostituito il postino Roulin, che, a sua volta, ha sostituito il padre Tangi. Ma, nonostante la simpatia di Van Gogh per il signor Trabuc, o sua moglie, in una lettera a Theo, Vincent risponde con molto meno calore – anzi, anche in modo rude: ho finito il ritratto del residente, fatto e una copia per te. Sorprendentemente, la copia è notevolmente diversa dalla foto che ho scritto per prima, l’aspetto era poco chiaro e bleary,

Ho presentato il ritratto al maggiore, e se il suo coniuge rifiuta di posare, scriverò anche lei. Una donna sbiadita e già poco attraente è una creatura infelice, chiusa e insignificante. È così piccolo che con grande desiderio disegnerei una macchia di erba polverosa. A volte parlavamo quando scrivevo olive vicino alla loro modesta casa, e lei diceva che non poteva credere che fossi malata – in effetti, avresti detto la stessa cosa se avessi visto ora come lavoro.

Il cervello è così chiaro, e la mano è così dura che ho fatto una copia da Delacroix’s Pies senza prendere una sola misura. St. Remy, 7 o 8 settembre 1889.

Entrambi i lavori sono stati effettivamente eseguiti in modo straordinario, e Theo, nelle sue stesse parole, ha considerato il ritratto di Mr. Trabuc “estremamente riuscito”. Ronald Pickens esplora la vita e il lavoro di Van Gogh,

Innanzitutto, la figura è stata copiata, quindi lo sfondo è ombreggiato con una leggera aggiunta di rosa e turchese. La figura è delineata a tratti. Facendo riferimento al ritratto, Van Gogh non ha menzionato il colore. La tavolozza è contenuta e inespressiva, e sembra subordinata a quella deliberata linearità del mantello, del viso e del collo, più libera nel disegnare lo sfondo. Anche la storia delle tele è interessante.

Prima di tutto, nessuno dei dipinti è originale. Avendo dipinto entrambi i ritratti, Van Gogh li presentò ai coniugi Trabuke. E sebbene gli originali, purtroppo, siano andati persi, Vincent un tempo scrisse copie per Theo da ciascuno dei ritratti. Al momento sono preservati.

La storia del ritratto della signora Trabuk è particolarmente interessante perché il dipinto, che è stato considerato “perso” per diversi decenni, è riapparso a metà degli anni novanta del nostro secolo. Il quadro fu acquistato da Otto Krebs – fino a quel momento apparteneva alla Galleria d’arte di Transnhäuser, a Berlino – e lo conservò in una cassaforte nella sua casa vicino a Weimar. Quindi la tela sopravvisse alla seconda guerra mondiale.

Quindi fu ereditato dalla Fondazione Krebs. Intorno al 1947, un certo ufficiale russo entrò nella casa di Krebs, che aprì la cassaforte e, trovando lì una foto, la mandò a Leningrado. Fino agli anni ’90 del XX secolo. Il ritratto di Madame Trabuc è stato conservato nello speciale deposito segreto dell’Ermitage. Ovviamente, persino il direttore dell’Ermitage a quel tempo non era a conoscenza dell’esistenza del repository e dei suoi contenuti.

Informazioni biografiche. Charles-Elzear Trabouk nacque il 28 marzo 1830 nella città di Manoscu, in Bassa Alpi. Deceduto il 25 settembre 1896 a Saint-Rémy, sei anni dopo la morte di Van Gogh.

Sua moglie, Jean Lafouille Trabouk, morì nel 1903.