Ritiro a Marignano – Ferdinand Hodler

Ritiro a Marignano   Ferdinand Hodler

L’artista post impressionista svizzero Ferdinand Hodler ha lavorato nella direzione dello “stile moderno” simbolista. Fu uno dei fondatori del romanzo nazionale e ebbe una grande influenza sulla formazione dell’espressionismo.

Il percorso verso l’arte di Hodler non è stato facile. L’infanzia pesante, il bisogno costante, il duro lavoro e il rifiuto del suo lavoro da parte del pubblico non hanno spezzato l’artista, quindi tutte le sue opere mature sono piene di volontà e coraggio indomabili.

L’incontro con il pittore svizzero Barthelemy MennoM ha predeterminato il percorso di Hodler nell’arte. Portando il talentuoso ragazzo nel suo studio, Menn ha instillato in lui non solo un’abilità di disegno, ma anche una cultura artistica comune, senza limitare l’originalità e l’innovazione del talento rivelatore. Il periodo di massimo splendore della maestria del giovane pittore cadde nel periodo medio della vita di Hodler – gli anni di transizione di epoche.

Il modo di lavorare di Hodler nei primi anni della creatività consapevole era un’esposizione accurata e figurativa delle realtà, la nitidezza della visione dell’artista andava spesso oltre il presente, diventando una sorta di precursore degli eventi del futuro. L’impressione dei suoi dipinti non è casuale, poiché i temi principali del suo lavoro sono la ricerca di se stessi, il distacco, l’incomprensione, la fatica; Tutto ciò si rifletteva nelle sue tele enfaticamente stilizzate. A poco a poco, Hodler divenne un pittore famoso e ricercato e ricevette persino premi, ma solo la fase successiva del suo lavoro realizzò veramente il suo potenziale umano e pittorico.

Crescere Hodler ha in qualche modo cambiato lo stile della pittura – aveva il suo stile plastico con elementi simbolici. Il monumentalismo stilizzato delle sue nuove opere esprime temi umani, quindi evoca immediatamente una risposta da parte dello spettatore. Immagini un po ‘semplicistiche e laconiche, riempite allo stesso tempo di tensione interna, sono allineate nell’unità compositiva nei dipinti del pittore svizzero usando il principio del “parallelismo” di forme e colori puri applicato da Hodler.

L’essenza di questo principio risiede nel fatto che sul piano frontale della tela pittorica immagini di grandi dimensioni e chiaramente delineate sono imballate con un ritmo elaborato che riempie quasi l’intero spazio dell’immagine. La “incarnazione visibile dell’idea” raggiunta allo stesso tempo era compito del pittore. Le sue grandi tele simboliche – “Verità”, “Amore”, “Guarda nell’infinito” – sono realizzate in un modo che l’artista stesso ha chiamato “parallelismo”. Implica una disposizione frontale ed equilibrata di grandi figure; il ritmo accuratamente sviluppato delle pose e dei movimenti ispira queste figure, introducendole nell’elevazione del design.

Il monumentalismo di Hodler trova supporto non nel regno delle idee pure, ma nelle immagini della storia nazionale.

Le opere del maturo Hodler sono ancora più espressive, la morbidezza simbolica scompare in esse. Quindi, “Retreat at Marignano” è caratterizzato da ritmo, energia irrefrenabile di persone unite da un obiettivo comune. Ogni immagine è scritta in un volume chiaro, rigide linee di contorno distinguono il movimento “urlante” delle persone.

La composizione principale complessiva di Hodler è ora molto lontana dal profondo pessimismo dei primi lavori.

La tela trasmette un vero e proprio evento storico: la vittoria dell’artiglieria di Francesco I sulla fanteria svizzera, la cui ininterrotta e inesauribile coraggio si esprime in modo molto chiaro. L’intera composizione è divisa dall’artista nei livelli superiore e inferiore, nel primo ci sono file di soldati che marciano lungo il terrapieno innevato e soldati unificati nella loro forma completa, mentre il secondo contiene studenti che hanno fretta e si preparano per i cavalli. L’immagine è risolta nel linguaggio dei gesti moderni, le dinamiche sono rappresentate da sagome contrapposte.

Fu questo lavoro che rese famoso Hodler in tutto il mondo.

Gli ultimi anni della vita dell’artista sono stati segnati da una grave malattia di sua moglie, quindi il dolore e il dramma vitale riempiono le tele di questo periodo. Tuttavia, nonostante i colpi del destino, il principale inizio significativo della sua vita e del suo lavoro fu la volontà umana ininterrotta. Non è un caso che abbia scelto il motto: “Ciò che unisce le persone è più forte di ciò che le separa”.

Modernizzando tutta l’arte svizzera, predeterminando i percorsi futuri del suo sviluppo, Hodler ricevette più riconoscimenti in terre straniere che in patria. Quindi, nel 1900 gli fu assegnata una medaglia d’oro a Parigi. Hodler sviluppa idee nazionali sulla sua creatività principalmente nei paesaggi, il cui tono romantico maggiore è causato dall’espressività delle forme naturali, dalla maestosità dello spazio, dai colori vivaci, dal movimento della vita.

La creatività Hodler è stata una tappa necessaria nel ripristino della relazione sfuggente di spettatori e artisti. Nei suoi dipinti, la necessità di ottenere impulsi ideologici universali dati dall’arte ha raggiunto il massimo grado. Fu in quel momento che Hodler fu finalmente percepito e compreso.

La vita e il lavoro di Hodler portarono alla pittura svizzera una vasta scala di incarnazioni di idee nazionali e democratiche che non furono mai realizzate.

Le opere più famose di Hodler: “Studente”, “Allievo”, “Notte”, “Euritmia”, “Discorsi degli studenti Iyenskiy del 1811”, “Riforma ad Hannover”, “Kosets”, “Boscaiolo”.