Rimozione della pietra della stupidità – Hieronymus Bosch

Rimozione della pietra della stupidità   Hieronymus Bosch

“Rimozione della pietra della stupidità” – un’immagine attribuita all’artista olandese Jerome Bosch.

Questa immagine rappresenta la linea folcloristica nell’opera dell’artista. A prima vista, raffigura la solita, tuttavia, pericolosa operazione, che il chirurgo conduce per qualche motivo all’aria aperta, sollevando un imbuto in testa. Questo è probabilmente il luogo in cui viene deriso il personaggio della bella farsa: un marito semplice o cornuto.

L’imbuto rovesciato indossato sulla testa del chirurgo fu spiegato come un suggerimento per la distrazione dello studioso, ma nel contesto della farsa molto probabilmente serve come un segno di inganno. Secondo un’altra versione, un libro chiuso sulla testa di una suora e l’imbuto di un chirurgo, rispettivamente, simboleggiano che la conoscenza è inutile quando si tratta di stupidità. e che questo tipo di guarigione è ciarlatano.

L’espressione olandese “avere una pietra nella mia testa” significava “essere stupido, folle, fuori posto con la testa”. La trama della rimozione della “stupida pietra” è rintracciata nelle incisioni, nella pittura e nella letteratura olandesi fino al 17 ° secolo. L’iscrizione ornamentale sopra e sotto recita: “Maestro, rimuovi la pietra. Mi chiamo Lubbert Dass.”

Al tempo di Bosch c’era una convinzione: un pazzo può essere guarito se gli togli le pietre di stupidità dalla testa. Lubbert è un nome comune che indica un deficiente. Nella foto, contrariamente alle aspettative, non viene estratta una pietra, ma un fiore, un altro fiore sdraiato sul tavolo. È accertato che si tratta di tulipani. e nel simbolismo medievale, tulipano significava stupida creduloneria.

La paternità di Bosch avrebbe potuto essere messa in dubbio se non fosse per il paesaggio caratteristico sullo sfondo.