Riders on the Shore – Paul Gauguin

Riders on the Shore   Paul Gauguin

Nel settembre del 1901, Gauguin lasciò Tahiti e si stabilì sulle Isole Marchesi. Il motivo di questo volo non è ancora chiaro: mentre i fan di Gauguin suggeriscono che l’artista stava cercando nuovi paesaggi per i suoi dipinti, la maggior parte degli storici menziona che la sua salute era molto scarsa in questo periodo e ha notato che l’artista, che era molto popolare tra le ragazze tahitiane, fu costretto ad astenersi dal sesso durante questi anni.

Ma qualunque sia la ragione del trasferimento, Gauguin si stabilì su Hiva Oa, la più grande isola dell’arcipelago delle Marchesi, su un terreno di proprietà della Chiesa cattolica. Alla vigilia della sua partenza, l’artista ha creato un bellissimo quadro, che è diventato una specie di addio a Tahiti – “Idillio a Tahiti”.

L’immagine della donna continua a occupare un posto importante nel tema artistico di Gauguin. In Aboriginal Fairy Tales, l’artista elogia nuovamente la bellezza della Polinesia, raffigurando due bellissime ragazze in posa sullo sfondo di un paesaggio esotico. Dietro di loro, Gauguin ha posto un’immagine del suo amico Meyer de Gunn, un poeta parigino.

Era abbastanza insolito per un artista scrivere un uomo occidentale nella forma di un demone con occhi da gatto e artigli affilati.

Eppure ora Gauguin inizia a sentire l’approccio della morte: il suo stato di salute si sta deteriorando ogni giorno e l’artista sta vivendo una tentazione irresistibile – per la prima volta dopo molti anni – di tornare in Europa. Ma, nonostante tutto, ha ancora abbastanza forza per dipingere. Le opere degli ultimi anni della sua vita sono piene delle metafore della morte.

Ciò è particolarmente evidente nel suo ultimo capolavoro: il dipinto “Riders on the coast”, scritto in due versioni. Nello spirito di Degas, Gauguin raffigura cavalieri in riva al mare, che sembrano illimitati.

L’intero quadro è permeato da un sentimento di tristezza, addio, presagio della sua stessa morte. I cavalieri si avvicinano silenziosamente al mare, dove onde spietate tracciano il confine tra terra e acqua – o tra vita e morte – e da dove compaiono due spiriti misteriosi, vestiti con abiti luminosi, che probabilmente devono accompagnare i vivi nel loro ultimo viaggio – il viaggio la morte. Colori di lusso, luminosità, ricchezza di quest’opera sono una specie di testimonianza di Gauguin e del suo ultimo inno entusiasta alla vita in Polinesia. L’8 maggio 1903, devastato da numerosi problemi finanziari e legali e problemi di salute, morì Gauguin.

Le leggende dicono che l’aborigeno, che ha riportato la morte dell’artista, ha gridato: “Gauguin è morto! Questo non è il paradiso!”