Rev. Michael of Klopsky e il Santo Martire Alexander

Rev. Michael of Klopsky e il Santo Martire Alexander

Nell’icona in basso a destra, al centro, la firma dell’autore con la data: “V. Guryanov. 1912”.

Sul retro dell’icona c’è un timbro: “Il laboratorio artistico e di pittura di icone di Vasily Pavlovich Guryanov a Mosca”.

L’icona è stata dipinta da un eccezionale pittore di icone e restauratore della Trinità di Rublev, Vasily Pavlovich Guryanov, ed è un primo esempio di cultura artistica della chiesa a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

Nel lavoro c’è un compromesso del linguaggio pittorico, creato sulla base di tecniche sia iconografiche che illusioniste. Guryanov modella sottilmente i volti, prestando grande attenzione alle ombre profonde che creano l’effetto dell’autenticità naturalistica. Con enfasi precisione, scrive una veste viola con oro, un mantello rosso brillante e paramenti verdi.

Nella sua interpretazione, il letame è stato trasformato in una specie di paesaggio “quattroventista” con dolci colline rocciose ricoperte da scarsa vegetazione. Attraverso lo scioglimento della foschia bluastra, emergono mura della città, torri, templi.

L’icona esplicitamente personalizzata raffigura il santo Novgorod, un nobile delle origini di Mikhail Klopsky. È diventato famoso per la previsione della morte della libertà di Novgorod. Il giorno della sua memoria è celebrato il 24 gennaio. Art.

La Chiesa ortodossa commemora diversi santi martiri di nome Alessandro, ma non è possibile identificare la vergine raffigurata. Krasilin 1996 .