Ragazzo con Yule – Jean Baptiste Simeon Chardin

Ragazzo con Yule   Jean Baptiste Simeon Chardin

I ritratti per bambini di Chardin ammirano ancora gli spettatori. Anche avvolti in scomoda canotta “di legno” e abiti pesanti, i bambini nei dipinti del maestro sembrano ancora diretti e mobili. Lavorando su un ritratto di bambino, Chardin ha preferito ritrarre il bambino “in azione”, impegnato in alcuni affari.

Esibendo ritratti di bambini, di solito li chiamava non “ritratti”, ma scene di genere.

Tali “scene” nell’eredità creativa di Chardin abbondano. Questi includono, ad esempio, l’immagine “Ragazzo con Yula”. Fu mostrato nel Salon del 1738 e divenne immediatamente così popolare che l’artista scrisse molte altre opere, variando il tema del gioco del ragazzo con una cima.

Sopra, puoi vedere una copia di “Il ragazzo con Yula”, realizzata dall’autore nel 1741.

Le incisioni dai ritratti dei bambini di Shardenovskiy, di regola, fornite con la firma del contenuto moralizzante, erano costantemente richieste. Quindi, sull’incisione fatta con “Il ragazzo con lo Yule”, leggiamo: “Dandosi interamente nelle mani del destino, l’uomo si trasforma in una trottola senza fine”. Devo dire che Chardin non aveva nulla a che fare con le massime morali di questo tipo?

La pagina successiva contiene l’immagine “La ragazza con la balza”, scritta dal maestro in una coppia del “Castello di carte”.

Questo ritratto di una giovane donna, arrossato dal gioco del volano, appartiene sicuramente ai capolavori della pittura di genere francese del XVIII secolo. Notevoli sono anche le “immagini educative” di Chardin, alle quali si applica in particolare “Preghiera prima di cena”, in cui l’artista esprime chiaramente il suo punto di vista sul problema di “educare la buona morale”, che riguardava così tanto i filosofi di quel tempo.