Quadrato nero – Kazimir Malevich

Quadrato nero   Kazimir Malevich

L’artista d’avanguardia Kazimir Malevich è nato nella famiglia di un direttore di stabilimento. Dall’età di 11 anni, ha dipinto e dipinto molto. Nel 1894, Malevich si laureò alla scuola agronomica di cinque classi, nel 1895-1896.

Ha studiato alla scuola di disegno, poi si è trasferito con la sua famiglia a Kursk.

Lì era nella cerchia degli amanti dell’arte e faceva il disegnatore, guadagnando soldi per vivere e studiare a Mosca.

Nel 1904 Malevich arrivò a Mosca, dove per qualche tempo frequentò le lezioni alla scuola di pittura, scultura e architettura e alla scuola di Stroganov. Un anno dopo, tornò a Kursk e iniziò a dipingere autonomamente.

Malevich ha lavorato molto sulle tele del nuovo sistema di pittura, che ha chiamato “Suprematismo”, i cui principi sono stati delineati da lui nel depliant-manifesto “Dal cubismo al suprematismo”. “Nuovo realismo pittorico” è lo stesso sistema a cui appartiene il dipinto “Black Square”, scritto nel 1913.

A. Benoit ha detto a proposito di questo: “Piazza nera”, quella “icona”, che i cittadini-futuristi offrono al posto di Madonne e Venere spudorata. “Piazza nera” in uno stipendio bianco non è una cosa facile, non è una chiamata facile, non un piccolo occasionale un episodio accaduto nella casa sul Campo di Marte e uno degli atti di autoaffermazione dell’inizio, che ha nel suo nome l’abominio della desolazione e che termina in esso attraverso l’orgoglio, l’arroganza, il calpestio di ogni amore e tenerezza porterà tutti alla morte. “

Ma questa immagine non provoca indignazione, ma piuttosto, al contrario, cattura, assorbe e disturba, dà un senso di realizzazione, anche se, ovviamente, rimane in sospeso. “Black Square” proietta lo spettatore in se stesso, lasciandolo allo stesso tempo completamente libero nella sua immaginazione, che può prendere la strada più inaspettata. E sarà determinato esclusivamente dall’identità dello spettatore.

Dopo la rivoluzione di febbraio del 1917, Malevich fu eletto presidente della sezione artistica dell’Unione dei deputati dei soldati di Mosca. Ha sviluppato un progetto per la creazione dell’Accademia delle arti popolare, è stato commissario per la protezione dei monumenti dell’antichità e membro della Commissione per la protezione dei valori artistici del Cremlino.

Dopo la Rivoluzione d’Ottobre, Malevich ha preso parte alla creazione dei set e dei costumi per la produzione “Mystery-Buff” di V. Mayakovsky, ha scritto il lavoro teorico “On New Systems in Art”, insieme a Chagall a capo del workshop presso la People’s Art School di Vitebsk, ha partecipato a mostre.

Negli anni seguenti è stato impegnato in attività di insegnamento e propaganda, essendo insegnante di disegno presso il dipartimento di architettura dell’Istituto di Ingegneri Civili di Pietrogrado e direttore dell’Institute of Contemporary Art Culture Research. Continua a prendere parte a mostre internazionali, esponendo i suoi dipinti a Berlino, accompagnando la mostra con un corso di lezioni sulla teoria della pittura moderna. Nel 1929 la sua mostra personale ebbe luogo nella galleria statale di Tretyakov.