Prima Comunione – Pablo Picasso

Prima Comunione   Pablo Picasso

Il dipinto “Prima Comunione” è stato creato dal quindicenne Picasso su consiglio di suo padre per l’Esposizione di Belle Arti di Barcellona del 1896. In quel momento, Pablo ha studiato alla Scuola di Belle Arti La Lonja. Uno dei suoi insegnanti, Garnelo Alda, un artista spagnolo di grande successo, specializzato nella pittura di “alto” genere storico accademico, che includeva la creazione di dipinti e soggetti religiosi e mitologici.

Nel suo laboratorio sono stati raccolti molti elementi necessari per tali oggetti di lavoro: abiti da chiesa, calici, candelieri, una sorta di “scenario”, imitando l’altare, il portico della chiesa. Poiché Garnelo Alda era un collega di Don José Ruiz, al giovane artista fu permesso di usare questo studio.

Alla mostra non è stato assegnato un premio, nessuno l’ha acquistato, ma Pablo ha ricevuto un ordine da un convento di Barcellona per diversi dipinti di contenuto religioso. Sfortunatamente, queste opere furono uccise durante la rivolta antimilitarista e anticlericale in Catalogna nel luglio 1909.

Durante questo periodo furono bruciate circa 50 chiese e monasteri, incluso il monastero dove erano custoditi i dipinti di Picasso. Picasso non è mai stato un devoto, uomo religioso. Tuttavia, nei suoi disegni degli studenti del 1895-1896 ci sono alcune scene della vita di Gesù, l’Annunciazione, alcune immagini di santi – St. Sebastian, sv. Peter, sv.

Antonio di Padova.

Un giovane artista così attivo e ambizioso non poteva non essere interessato ai mezzi di espressione e agli schemi iconografici usati dai grandi maestri del passato: questo tipo di “cibo” per la sua personale crescita creativa, essendo stato digerito quasi al di là del riconoscimento, ha gradualmente formato l’individualità artistica di Picasso. Molti anni dopo, l’autore di molti articoli e libri sul maestro Pierre Dax, che conosceva Picasso da più di un quarto di secolo, gli chiese se gli dispiaceva aver dipinto dipinti come la “Prima Comunione”. E Picasso gli rispose: “Non ti sbagliare, per me è stato molto importante”.