Porte di Timur (Tamerlan) – Vasily Vereshchagin

Porte di Timur (Tamerlan)   Vasily Vereshchagin

I dipinti di Vereshchagin sono famosi per il loro tocco tematico dell’Oriente nell’arte russa. Ne è la prova il dipinto “Porte di Timur”. Può essere attribuito al ciclo turkmeno, è stato scritto negli anni 1872-1873.

Questa immagine non ci mostra alcun tipo di evento; al contrario, crea un’immagine del passato per noi, portandoci nell’era di un comandante crudele.

Guardando l’immagine, vediamo l’ingresso alle dimore di Tamerlano. Realistico Vereshchagin raffigurato porte antiche. Puoi persino immaginare come Timur stesso ne esce.

L’immagine sembra più scura, mentre Vereshchagin ha cercato di concentrarsi sull’ornamento delle porte e sui costumi delle guardie. Sono come figure di cera, che sono destinate alla bellezza.

L’artista non attribuisce importanza alle persone delle guardie, al contrario, ci mostra tutta la crudeltà di quell’epoca, dettagli come: costumi nazionali, sciabole, archi, frecce, scudo, lance. La loro quiete ci mostra ancora una volta la forza insensata, oscura e crudele del dispotismo. Si può presumere che se una delle guardie si muove involontariamente, Tamerlano gli ordinerà di tagliargli la testa.

Guardando l’ornamento della porta, sembra che stia attirando e non lasci andare, e non capisci più per quanto tempo guardi la porta. Senti involontariamente il respiro pesante delle guardie. È diventato interessante per me, oltre alla tuta pesante, tengono così tanto nelle loro mani, riescono davvero a difendersi con tutte queste munizioni. Un’altra impressione è che si sono congelati in previsione del sovrano, e ogni volta che il suono dei passi provoca paura in loro, poiché non si sa cosa ci si può aspettare da un sovrano dispotico.

Questa foto mi sembra insolita, non ha quadri simili. Per quanto ne so, alla prima mostra questa immagine ha ricevuto elogi da Kramskoy e Stasov.