Pittore di icone del villaggio – Abram Arkhipov

Pittore di icone del villaggio   Abram Arkhipov

In primo piano nel suo dipinto “Il pittore di icone del villaggio” A. E. Arkhipov raffigura un artista povero del villaggio. Si siede davanti alla finestra e disegna attentamente l’icona. La luce del sole penetra a malapena da una piccola finestra in una piccola stanza.

Su un ampio davanzale, più simile a una panchina di legno, il maestro posò i suoi strumenti.

Ecco una cassa in cui, grazie al coperchio aperto, puoi vedere gli accessori da disegno. Accanto al petto sono colorati vasi di vernice e alcuni vasi con pennelli di diverse dimensioni. Nelle vicinanze si trova un barattolo di olio liquido, usato come solvente per vernici.

Sul bordo del davanzale si trova una piccola spazzola sospesa.

L’artista, chinandosi un po ‘, è seduto su uno sgabello di legno. Indossa un grembiule luminoso, per non macchiare i vestiti con la vernice. In una mano, il pittore di icone detiene una tavolozza e pennelli e l’altra disegna su tela.

L’artista stesso non è più giovane, come indicato dalla folta barba sul viso. Una visione focalizzata indica un lavoro attento e di lunga durata.

Il maestro mise il piede sinistro sulla traversa del cavalletto fatto da sé. Dietro l’artista, sulla parete opposta sono appese le icone scritte da lui. Sotto di loro c’è un piccolo negozio, sul quale si trova un vaso piuttosto massiccio.

Nell’angolo, sotto il quadro più grande, si trova il dissuasore in cui si trovano i libri.

Guardando l’immagine, sembra che tu sia nel mondo intimo di una persona creativa. Dopotutto, lo spettatore ha una meravigliosa opportunità di osservare il processo di creazione di un capolavoro.