Pioggia nella foresta di querce – Ivan Shishkin

Pioggia nella foresta di querce   Ivan Shishkin

Ivan Ivanovich Shishkin non è solo un artista eccezionale, ma soprattutto un grande maestro della pittura di paesaggio. Soprattutto, l’artista amava creare paesaggi boschivi, raffiguranti boschi di faggi, pini e querce. Shishkin amava e ammirava la natura, la bellezza e il potere di alberi, vallate, fiumi.

Boschi, le distanze della foresta sono diventate le immagini preferite di Ivan Ivanovich Shishkin. Anche creando diversi paesaggi della pineta, l’artista ha cercato di trasmettere in ognuno di essi il proprio stato speciale.

Paesaggio “Rain in the Oak Forest”, scritto nel 1891. Questo splendido paesaggio, un magnifico esempio di pittura a cavalletto fa parte della collezione della Galleria Tretyakov di Stato.

La trama del paesaggio “Rain in the Oak Forest” è piena di motivi lirici. La tela è molto poetica, sottile, contemplativa. Il dipinto raffigura tre viaggiatori.

Due di loro vagano lentamente attraverso la foresta di querce bagnate, nascondendosi a malapena dalla pioggia sotto un ombrello. Un altro, un viaggiatore solitario, che non cerca di nascondersi dalla pioggia, si allontana in fretta nelle profondità della tela, sempre più lontano nella fitta nebbia umida e nella fitta foresta.

“Rain in the oak forest” – un paesaggio progettato per trasmettere tutta la bellezza dell’aria umida della foresta, l’odore dell’erba, le foglie di quercia, uno splendore spettrale di luce dopo pioggia, uno stato di nebbia che riempie tutto di pace e tranquillità.

La foresta di querce è molto bella, disseminata di riflessi solari, che si riflettono nell’aria della foresta piena di umidità. Il paesaggio brilla, scorre calorosamente, tutto vola, respira, vive.

La profondità della foresta è piena di fitta nebbia di latte. Contorni di alberi in lontananza come se fossero dissolti in questa droga nebbiosa. L’immagine della nebbia rende misteriosa e facile la tela.

Contro il muro biancastro di nebbia, le immagini degli alberi sembrano più chiare. Abbondante fogliame di querce scintilla, la luce che attraversa dona al paesaggio uno stato di calma serenità e felicità. In alcuni punti, il sole scivola lungo i potenti tronchi degli alberi, illuminandoli e in qualche modo dissipando e ammorbidendo la nebbia troppo fitta.

Il primo piano dell’immagine è pieno di dettagli, disegno dettagliato di vari fili d’erba, pietre, muschio. Allo stesso tempo, l’artista utilizza una tavolozza diversa, tutto ciò rende i riflessi e i semitoni più espressivi e evidenti. L’aria è percepita come un fenomeno separato, vivente, tremante, instabile, pronto a sciogliersi, scomparire insieme a questa foschia foschia che si diffonde nella foresta.

In generale, il paesaggio è molto morbido, fragile, dal punto di vista compositivo. Chiaroscuro enfatizza lo stato atmosferico della natura che sta cambiando sotto i nostri occhi, enfatizza il delicato equilibrio tra piani pittorici e strati colorati del paesaggio.

Il paesaggio di Shishkin pulsa e vive nella nostra coscienza non solo come immagine, ma anche come odore, come il canto degli uccelli della foresta, come l’aria della foresta, come un fruscio di pioggia nella foresta, noto fin dall’infanzia.