Peter Rubens con Anthony Van Dyck – Peter Rubens

Peter Rubens con Anthony Van Dyck   Peter Rubens

Qualcuno del laboratorio di Rubens ha unito due autoritratti in una copia, desiderando segnare l’unione perfetta e la gloria di due artisti fiamminghi.

VAN DAKE Anthony – un artista fiammingo, uno dei fondatori del ritratto aristocratico cerimoniale del 17 ° secolo. All’età di 10 anni, Van Dyck fu mandato a studiare per il pittore di Anversa H. van Balen, e nel 1618 fu accettato nella corporazione dei pittori di St. Luca.

Lavorando nell’officina di Rubens, dal 1617 iniziò a collaborare con lui per l’esecuzione di alcuni ordini.

Il talento eccezionale di Van Dyck come ritrattista ha notato per la prima volta Rubens. Fu lui che, vedendo i ritratti dipinti dal giovane Van Dyck, notò e iniziò a contribuire allo sviluppo del talento del ritratto del suo successivo famoso studente.

Già nei suoi primi lavori, Van Dyck cercava di allontanarsi dall’imitazione diretta delle tecniche del famoso insegnante e ottenere soluzioni pittoriche più indipendenti. Nel 1621-27g, Van Dyck visse in Italia, dove studiò pittura italiana. Il suo ritorno coincise con il tempo delle attività diplomatiche straniere di Rubens.

In assenza di un insegnante, Van Dyke divenne praticamente il primo pittore delle Fiandre; Fu nominato uno dei pittori di corte del governatore spagnolo Isabella.

Lo stile del ritratto cerimoniale del barocco Van Dyck ha portato alla perfezione. I personaggi dei suoi ritratti cerimoniali sono noti per la loro nobiltà interiore e raffinatezza aristocratica e allo stesso tempo carattere vivace.