Pescatore – Georges Cera

Pescatore   Georges Cera

La cerchia dei soggetti legati all’acqua è una delle più amate nella povera opera creativa dello zolfo. E non ricco di numero di opere, ma non di significato e contenuto. L’insolita tecnica di scrivere il dipinto “Pescatore” lo distingue da un’intera serie di lavori, sia sull’insieme degli impressionisti che sullo stesso Zolfo.

L’opera appartiene a quelle opere d’arte la cui unica componente estetica è visibile solo a distanza. Solo dopo aver fatto una dozzina di passi dall’immagine, l’intera trama, scritta con pennellate “frammentate”, rivela miracolosamente allo spettatore. Ci si può solo chiedere come l’autore sia riuscito a creare un tale effetto, lavorando in prossimità della foto.

Creatore del divisionismo, Sulphur ha usato tratti più grandi in questo lavoro, in contrasto con i soliti micro movimenti. Forse questo è stato causato da materiali specifici – un capolavoro dipinto ad olio su legno, o forse la tecnica ha subito una metamorfosi a causa delle esigenze estetiche dell’esposizione dell’acqua. In effetti, la superficie dell’acqua nella foto ha creato la filigrana.

Onde frequenti tremolanti, piccoli tratti ravvicinati sicuri, stretta combinazione di colori contrastanti: tutto ciò crea un sapore unico facilmente riconoscibile.

Come il resto dello zolfo, l’immagine ammira la combinazione di colori, la cui creazione ha previsto un’analisi ottica approfondita e una costruzione compositiva. È un peccato che il giovane, pieno di forze creative, l’artista non abbia lasciato un’eredità così grande, ma queste opere sono state sufficienti per iscriversi per sempre nella storia dell’arte.