Per il bagno Autoritratto – Zinaida Serebryakova

Per il bagno Autoritratto   Zinaida Serebryakova

Nel 1909 ha creato un autoritratto “Per la toilette”, che ha reso noto l’artista. Dipinto a olio su tela, era una sorta di riassunto del periodo di apprendistato, l’esperienza di creare un’opera significativa nello spirito dei classici – con uno schizzo preparatorio e una multi-sessione in posa su se stessa.

La tela è stata creata nei giorni di sole invernale nella fattoria dei Serebryakov a Neskuchny, dove viveva con i bambini, in attesa di suo marito, che era rimasto bloccato in un’indagine in Siberia. Nello studio “Per la toilette. Autoritratto” sono già state trovate le proporzioni del futuro ritratto e la sua composizione.

I critici e gli amanti sofisticati della pittura “età dell’argento” nella foto hanno deliziato non solo l’alta abilità e la perfezione della forma, ma soprattutto l’arguzia del piano. Vi è un’eco vivente, senza un accenno di stilizzazione, del romanticismo “fatto in casa” dell’inizio del XIX secolo – numerosi autoritratti e generi “nelle stanze”, con l’amore dei loro autori per il mondo visibile, per l’immagine di riflessi in specchi e superfici lisce. Il motivo del riflesso riporta alla memoria la tela di G. V. Soroka precedentemente attribuita “Riflessione allo specchio” e la tela di K. A. Somov “

A sinistra, la cornice dello specchio e parte della candela segnano la vera prima immagine del dipinto. Tutto il resto è raffigurato – una figura e una stanza in profondità, due candele, bottiglie, scatole, tovaglioli, perline e spille sul tavolo – riflesse nello specchio. Forse, per la prima volta dall’inizio del XIX secolo, l’autore si è così “francamente” ritratto senza preoccuparsi del “principio civile”. In questa visione e dimostrazione di sé si riflette tutta la purezza e l’affascinante ingenuità dell’artista. Vediamo una giovane donna che, per un momento, ha dimenticato la solitudine quotidiana senza marito e persone care, prendendosi cura di due bambini, ammirando la bellezza del suo giovane corpo e viso, la grazia della libera circolazione delle sue mani, la poesia di una vita povera ma confortevole.

Se la figura è scritta in volume, in generale e “grande”, gli oggetti in primo piano e in lontananza sono più decorativi, in stile modernista.

Rigoroso nella forma, l’immagine classica chiara è piena di vita. Il suo viso è magistralmente scritto con brillanti occhi castani, con un movimento di sopracciglia inafferrabile e labbra sorridenti; una figura in una complessa curva “elicoidale”, un gesto della mano perfettamente catturato. La tela rifletteva l’esperienza della felicità e della pienezza della vita caratteristica di Serebryakova in quegli anni.

La felicità brilla negli occhi e nel viso dolce, si diffonde in tutto ciò che circonda – nello scintillio di gioielli senza pretese sul coperchio del mobile da toeletta, nell’interno splendente della stanza della “fattoria” con un asciugamano sul muro, con una brocca e una bacinella sul tavolo che brilla di luce e bianco sterile. La stanza sembra sproporzionatamente piccola rispetto alla figura, e questo effetto migliora la sensazione di intimità del tutto. “Behind the toilet” è giustamente uno dei dipinti più famosi della scuola di pittura russa e una delle poche opere dell’artista, quali sono i suoi ricordi. Il ritratto è stato citato nella corrispondenza dei suoi contemporanei e nelle risposte della stampa.

Ha una ricca bibliografia.