Parlamento, nebbia lilla – Claude Monet

Parlamento, nebbia lilla   Claude Monet

Per ogni artista grande e senza dubbio dotato c’è sempre il pericolo di diventare un artigiano, un copista. Questo accade quando il maestro, dopo essersi svegliato una volta conosciuto, inizia a sfruttare il suo successo, quei temi che attiravano il pubblico che non era molto esigente e sofisticato nei segreti della vera arte. Fortunatamente, Claude Monet è sfuggito a un destino simile.

Cosa associano molti di noi all’espressione “nebbia lilla”? Certo, con una canzone popolare eseguita da Vladimir Markin. Tuttavia, in questo caso intendiamo non solo e nemmeno una canzone, ma un’immagine del fondatore dell’impressionismo. È stato scritto a Londra, dove Monet è venuto a trovare suo figlio.

“London fog” è già un sinonimo. L’intera “buona, vecchia Inghilterra” si associò a lui. Anche gli stessi britannici sono visti da molti stranieri come freddi, rigidi, troppo impegnati nelle tradizioni del passato.

Si sa quanto tempo gli impressionisti dedicarono agli esperimenti con il colore e la luce. Qua e là: cosa vediamo effettivamente, più precisamente, che stiamo cercando di distinguere? Il Tamigi, portando le sue acque, sguazzando quasi ai piedi del quadro. La barca del pescatore a poca distanza, che cresce dalla nebbia. Gabbiani sparsi per tutta la foto.

Infine, i contorni del parlamento inglese alla stessa distanza.