Panorami – Jacob van Ruysdal

Panorami   Jacob van Ruysdal

Il termine “panorama” è stato introdotto alla fine del XVIII secolo per fare riferimento a un quadro che copre quasi l’intero cerchio dell’orizzonte. Di norma, il panorama è combinato con i layout volumetrici del primo piano.

Nel XVIII e XIX secolo, tali specie godevano di grande affetto da parte del pubblico. Al giorno d’oggi, il significato della parola “panorama” è cambiato in qualche modo, e ora è accettato chiamare qualsiasi panorama ampio, “ampio” come panorama. È in questo senso che questo termine è applicabile all’opera di Reysdal.

Le scene per i suoi panorami diventavano spesso le vedute della sua nativa Haarlem o scene semi-immaginarie. Mentre lavorava alla composizione del panorama, Reisdal sceglieva sempre un angolo alto, che gli permetteva di abbassare la linea dell’orizzonte e lasciare più spazio possibile per il suo amato cielo nuvoloso.