Paesaggio con un lago – Camille Corot

Paesaggio con un lago   Camille Corot

Dipingere Koro infinitamente espressivo. Ha creato il suo stile, che ha poi imitato dozzine di suoi contemporanei. Grazie alla sua libertà e semplicità, quasi tutti i suoi dipinti sembrano uno schizzo; ma dietro questa facilità c’è una costruzione armoniosa.

Nel paesaggio dell’Ermitage, i rami degli alberi si aprono, rivelando una vista in lontananza sul lago; Il chiaro equilibrio di ali scure di rami intrecciati e una leggera apertura ovale crea una composizione quasi classica.

I colori dei dipinti in qualche modo oscurarono e persero l’originaria ricchezza delle transizioni di quel tono grigio-argento, che fu il notevole risultato coloristico di Corot. Ma anche questo non ha distrutto l’effetto di un graduale aumento della luminosità dai bordi della tela al suo centro: sagome quasi nere di tronchi e ombre dense lasciano gradualmente spazio a contorni sempre più chiari di rami, masse sempre più trasparenti, le forme sembrano dissolversi nel flusso luminoso in espansione, mentre non termina con l’apparizione in lontananza di un tranquillo villaggio sulla riva del lago.

Questa, la parte più poetica della tela si pone come un finale naturale di una linea lirica integrale, come l’incarnazione di ciò che Corot voleva in ogni paesaggio: armonia, libertà pittoresca e sincera freschezza dei sentimenti. L’immagine entrò nell’Ermitage nel 1925 dal Museo del Palazzo Yusupov a Leningrado.