Paesaggio con Polifemo – Nicolas Poussin &;;; nbsp

Paesaggio con Polifemo   Nicolas Poussin &;;; nbsp

Poussin ha preso in prestito gli eroi di questo dipinto dal poema “Metamorfosi” del poeta romano Ovidio. Polifemo è un ciclope, un gigante dall’aspetto terribile con un occhio solo che viveva in Sicilia, aveva un brutto carattere e fracassava tutto ciò che gli veniva in mano. Non era impegnato nell’artigianato, ma viveva secondo ciò che la natura dava e pascolava le greggi.

Una volta si innamorò della ninfa del mare Galatea. Era il suo opposto completo, e non solo in apparenza. I ciclopi nella mitologia antica personificano le forze distruttive e le ninfe sono costruttive, quindi Polifem non poteva contare sulla reciprocità. Galatea adorava Akida, il figlio del dio della foresta Pan.

Addomesticato dalla sua sublime sensazione, il gigante smise di fracassare pietre, rompere alberi e affondare navi.

Seduto sulla scogliera costiera, iniziò a suonare sulla pipa delle sue feci. Innanzitutto, la pipa emetteva suoni terribili. Ora, una bella canzone si riversò da essa, e le ninfe incantate dalla melodia smisero di ridere di Polifemo, i loro eterni suicidi di satira, divinità della fertilità con code di cavallo, corna e zoccoli si calmarono; sentito, rannicchiato su una roccia, dio del fiume.

La natura stessa era silenziosa, ascoltando musica, la pace e l’armonia regnavano in essa. Questa è la filosofia del paesaggio di Pussen: il mondo sembra così meraviglioso quando l’ordine viene sostituito dal caos. . Nel frattempo, i ciclopi, ingannati dalle loro speranze, hanno nuovamente dato libero sfogo al carattere malvagio. Intrappolò l’avversario e lo schiacciò con una pietra.

Galatea rattristata si trasformò amata in un fiume trasparente.