Ottimo momento dell’anno – Max Ernst

Ottimo momento dellanno   Max Ernst

Alla ricerca di mezzi artistici, permettendo di esprimere il subconscio come antitesi della realtà, Ernst ha scoperto la tecnica del libero scambio per se stesso. L’illuminazione avvenne in un piccolo hotel sulla costa atlantica francese, dove l’artista rimase nell’agosto del 1925. I pavimenti dell’hotel erano in legno e molto vecchi, mangiati dagli scarabei di legno.

Guardando queste mosse stranamente contorte, Ernst provò un’ondata di ispirazione. Più tardi, ha registrato questo momento nelle sue “Memorie”: “Queste linee formavano immagini strane e mutevoli, simili a quelle che vediamo al momento del passaggio dal sonno alla veglia; hanno dato origine ad allucinazioni e ha copiato molti di questi schemi”. . Ernst affondò sul pavimento, strofinò i disegni lasciati dagli abitanti con una morbida grafite e li trasferì sulla carta.

Successivamente, iniziò allo stesso modo a tradurre su carta la trama di vari oggetti, tra cui foglie legnose, tela, rete metallica. La combinazione delle più svariate trame ha permesso all’artista di creare immagini inaspettate e la stessa tecnica del piano frontale gli ha dato più libertà di un collage. Ernst pubblicò trentaquattro di queste foto nel 1926 in un libro intitolato Storia naturale.

Come suggerisce il nome, il libro conteneva immagini strettamente correlate al mondo naturale. Sopra è uno dei filmati dell’artista.