Olive al cimitero di Albano. Nuovo mese – Alexander Ivanov

Olive al cimitero di Albano. Nuovo mese   Alexander Ivanov

Il paesaggio è un’opera pittorica completa, sebbene fosse proprio questo motivo che Ivanov usò come studio per la parte centrale del quadro dell’Apparizione di Cristo al popolo, raffigurante i rami di un albero sopra la testa di Giovanni Battista.

L’attenzione dell’artista ha attirato diverse giovani olive, che incombono sullo sfondo di una lontana pianura. Gli alberi dal gambo snello e fantasiosamente curvi sporgono chiaramente tra gli arbusti e la terra rossastra. In lontananza, una striscia lilla pallida del mare era appena visibile all’orizzonte.

Il disegno e la colorazione del paesaggio trasmettono accuratamente l’impressione di un momento di transizione nella vita della natura, quando la falce leggera della mezzaluna appena incombente del nuovo mese, mentre già bagnata alla luce del giorno, il mondo è ancora in uno stupore notturno.

Ivanov, come pittore di paesaggi, non amava le immagini frammentarie, le impressioni casuali della natura. Era attratto dalla natura, come un mondo intero speciale, pieno di calma e maestosa bellezza.

Nel comprendere il paesaggio, l’artista non era d’accordo con N. V. Gogol. Gogol era infelice quando nel paesaggio “tutto è chiaramente smantellato, letto dal maestro e lo spettatore segue il magazzino”. Era più vicino a un pasticcio romantico. “Vorrei collegare un albero con un albero, mescolare i rami, gettare una luce dove nessuno se lo aspetta”, ha detto lo scrittore.