Nella foresta della contessa Mordvinova. Peterhof – Ivan Shishkin

Nella foresta della contessa Mordvinova. Peterhof   Ivan Shishkin

Questo impressionante paesaggio con una figura umana è un “ritratto” del quartiere di Peterhof e Oranienbaum. Grazie a V. Stasov, che ha scoperto questi luoghi poetici, Oranienbaum ha attirato l’attenzione degli artisti.

Qui, nel 1880, una volta prese in affitto un cottage Repin e nel 1891 visse Shishkin, che qui creò due capolavori: il lavoro presentato e il paesaggio delle querce Mordvin. A proposito, il pellegrinaggio di artisti è continuato dopo questo; alla fine del XIX secolo, ai “pacificatori” piaceva lavorare a Oranienbaum. È vero, erano più interessati ai palazzi e ai monumenti di arte paesaggistica.

Qualunque cosa l’artista abbia dipinto su tela è una foresta, un fiume, un campo, un pino solitario, per lui la natura era la perfezione stessa, nobilitando le persone. Rappresentando lo spettatore della vita senza fretta e maestosa del boro russo, le terre selvagge del deserto, piene di odori di catrame e foglie, l’artista non ha perso un singolo dettaglio e ha rappresentato perfettamente tutto: l’età degli alberi, il loro carattere, ogni ago e foglia, il terreno su cui crescono, e come le radici sono esposte ai bordi delle scogliere sabbiose e come i massi giacciono nelle limpide acque dei corsi d’acqua della foresta, e come le macchie di luce solare brillano nelle corone e sull’erba.

“… Non conosciamo un altro artista che avrebbe un disegno così impeccabile e che, con tale verità, con un amore così ardente per la sua terra natale e per i suoi affari, porterebbe il nostro russo vicino a noi la natura sulle sue tele. Quanto al russo Shishkin non ha rivali nella sua immagine “, ha detto uno dei suoi contemporanei su Shishkin.