Negro – Ilya Repin

Negro   Ilya Repin

Il dipinto è stato eseguito da Repin durante il suo soggiorno a Parigi come pensionato all’IAH. C’è una passione per il lavoro del famoso artista spagnolo Mariano Fortuny – uno dei rappresentanti più talentuosi dell’arte del salone accademico.

Con le opere di Fortuny, Repin si incontrò nel 1873 a Roma, poi nel 1875 alla sua mostra postuma a Parigi e fu sopraffatto dalla sua caratteristica “grazia inaccessibile e senso della forma, del colore e del potere della luce”.

Nella sua immagine, Repin cercava la completezza plastica della forma e l’integrità della soluzione cromatica. L’immagine di una donna di colore è ispirata, forse, da schizzi africani di Fortuny. Repin crea un ritratto espressivo, non privo di spiritualità, interpretato senza alcuna deliberata ammirazione per l’esotico.

L’artista è stato in grado di identificare il nobile rapporto tra i toni tenui e colorati e ottenere le migliori sfumature di colore fornite in un’unica gamma calda.

Ha mostrato grande maestria nell’immagine di gioielli d’oro luccicanti, tessuto iridescente, narghilè scintillante e altri oggetti. Le sue tecniche pittoriche sono piuttosto diverse: dalla scrittura regolare del viso a tratti pastous relativamente ampi con cui vengono realizzati gli accessori. Nella primavera del 1876, Repin mostrò un’immagine alla mostra del Salone di Parigi, come riportato da V. V. Stasov: “…

Ho inviato alla mostra uno schizzo di una donna di colore, una figura alta, con le gambe strette, orientale”.

Venduta quindi a un individuo sconosciuto, l’opera di quasi mezzo secolo è rimasta completamente dimenticata, solo nel 1938 questa tela fu scoperta, acquisita dal Museo Russo e presto inclusa nella mostra. I. N. Shuvalova