Nave incagliata – William Turner

Nave incagliata   William Turner

Un altro shock che ha atteso Turner durante il viaggio è stata la pittura olandese del 17 ° secolo – un pittore di paesaggi britannico ha scoperto inaspettatamente talentuosi predecessori. Sotto l’influenza del “piccolo olandese” Turner inizia a prestare sempre più attenzione allo stato momentaneo della natura; la morbida luce ambientale sostituisce un’illuminazione brillante e inquietante nello spirito di Wright: un nuovo stile è stato incarnato in una serie di paesaggi creati durante i numerosi viaggi dell’artista in Gran Bretagna; le variazioni tonali morbide e il gioco delicato delle nebbie inglesi famose diventano l’oggetto principale di interesse del maestro.

Per enfatizzare il gioco valerov, per la prima volta Turner ha abbandonato il terreno tradizionale di castagno o marrone dorato e ha usato il terreno bianco, ricordando la base per gli acquerelli, che ha permesso ai toni di suonare in modo più vivido e allo stesso tempo ha permesso di alleggerire significativamente la tavolozza. Secondo l’osservazione appropriata di uno dei critici, i suoi lavori esposti all’Accademia nel 1819 quasi accecarono il pubblico. Oggi le tele di Turner sembrano sorprendentemente luminose e sature di luce accanto alle opere dei suoi contemporanei.

Un effetto simile si diffuse solo alla fine del XIX secolo – a partire dagli impressionisti francesi, i pittori usarono esclusivamente terra bianca per il lavoro. Nello stesso periodo, Turner iniziò a sistematizzare il suo patrimonio grafico. Una serie di incisioni e mezzotine con specie della Gran Bretagna, pubblicate nel 1814, ebbe un enorme impatto sullo sviluppo delle tecniche di incisione in Gran Bretagna: disegnare sulla lavagna le migliori tonalità chiaro-scure richiedeva un incisore di elevata abilità professionale.

Nell’agosto 1819 – febbraio 1820, William Turner fece un viaggio in Italia, essendo uno dei primi in un enorme flusso di artisti, scrittori, studenti e turisti inattivi che cercavano di ammirare il gioco delle onde nei canali veneziani, il lussureggiante verde delle ville romane e la luce magica dei tramonti napoletani. Visitando Roma, Venezia, Firenze e Napoli, ha rivolto l’idea dei suoi contemporanei su questo paese, apprezzando non l’eredità della cultura antica, ma la luce specifica e il gioco morbido dei colori della natura mediterranea.

Nei dipinti italiani di Turner del 1820, si sente l’influenza dell’accademismo continentale e le dimensioni gigantesche dei dipinti e dei personaggi mitologici che spesso compaiono nella composizione ricordano che il loro autore non ha mai lasciato l’idea di perpetuarsi in un “genere elevato”. Gli acquerelli creati in questo periodo sono di natura completamente diversa: mentre la tradizionale base bianca è migrata ai dipinti di Turner, qui usa sempre più carta blu colorata. Nella tavolozza dell’artista, le tonalità gialle, arancioni e rossastre iniziano a dominare.

La combinazione di colori, basata su una combinazione di tonalità di blu, giallo e rosso, costituiva la base della combinazione di colori delle opere successive del maestro, che inizia a utilizzare anche nei dipinti. Grazie all’invenzione di un nuovo pigmento giallo su base chimica, Turner riesce a trasferire l’effetto della luce solare intensa su dipinti ad olio.