Natura morta con un cesto di mele – Vincent Van Gogh

Natura morta con un cesto di mele   Vincent Van Gogh

Dopo essersi trasferito a Parigi, Van Gogh cambia radicalmente le sue opinioni sulla pittura. Penetrato con le idee dell’impressionismo, ora cerca di mostrare ciò che ha visto così com’è, cantando in ciascuna delle sue opere quelle pitture con cui la luce naturale arricchisce tutto ciò che lo circonda. Al fine di elaborare queste opinioni nella pratica e diventare un impressionista nel pieno senso della parola, dipinge paesaggi dalla natura e mentre a casa fa molte produzioni da frutta e fiori.

Alcune delle nature morte di questo periodo possono essere definite veri e propri capolavori della pittura impressionista. Alcuni sono solo un esempio dello sviluppo del dono coloristico di Van Gogh. In questo lavoro, sembra che le due maniere dell’artista si scontrino: il primo classico, basato sull’uso di toni terrosi tenui, e un nuovo, luminoso, colorato e leggero.

A causa di ciò, l’incoerenza coloristica e in bianco e nero tra i singoli elementi della natura morta, che lo priva di integrità e armonia, è sorprendente.

Lo sfondo è scritto in pennellate di sfumature gialle e lilla contrastanti. I rapidi movimenti multidirezionali del pennello creano l’illusione di uno scintillio colorato, che trasmette un leggero gioco di luce sulla superficie del tavolo. Su questo pittoresco sfondo spicca un cestino viola, scritto quasi nello stesso colore.

Con precisione grafica, vengono mostrate tutte le sfumature della sua tessitura. I frutti sono anche privati ​​della pittoricità, l’autore guida i loro contorni in colore scuro, rendendo le ombre irragionevolmente profonde. Si può presumere che l’istruzione sia stata scritta in diverse sessioni con illuminazione diversa.