Natura morta con la Bibbia – Vincent Van Gogh

Natura morta con la Bibbia   Vincent Van Gogh

Questa natura morta è uno dei dipinti più atipici di Van Gogh. Fu scritto nell’ottobre 1885. Si presume che il dipinto sia stato creato dopo aver visitato il Museo di Stato di Amsterdam, dove il giovane artista è stato molto colpito dalle opere di Rembrandt van Rijn e Frans Hals.

L’influenza della pittura di questi maestri può essere chiaramente vista in questa immagine, in particolare nella sua struttura cromatica, composizione e stile di scrittura energico e ampio.

Nella foto, Van Gogh raffigurava la Bibbia e accanto ad essa un piccolo libro con un romanzo dello scrittore francese Emile Zola. La Bibbia apparteneva un tempo al padre dell’artista, che era un sacerdote. Le sue pagine contrastano e risaltano chiaramente su uno sfondo scuro.

La Bibbia ha un aspetto completo e quasi monumentale, che occupa gran parte della tela. Forse questo Van Gogh ha cercato di enfatizzare la solidità e l’immutabilità della fede, nonché il suo significato per il padre e per se stesso.

La Bibbia assorbe completamente l’attenzione dello spettatore, e quindi un piccolo libro non viene immediatamente notato. L’artista raffigura la sua morbida copertina sfilacciata del suo colore giallo preferito. Emile Zola era uno degli scrittori più rispettati.

Van Gogh apprezzava molto la moderna letteratura francese, considerandola una specie di bibbia della vita.

Nel contrasto tra i due libri, Van Gogh ha espresso la differenza tra le opinioni di suo padre e la sua visione del mondo. Ma, avendo costruito la composizione in modo da rendere il libro di Zola quasi impercettibile, ha mostrato il suo rispetto per la fede.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)