Narciso guardando in acqua – Karl Bryullov

Narciso guardando in acqua   Karl Bryullov

Una delle prime opere di K. Bryullov, scritta mentre studiava all’Accademia delle Arti. Nel 1819, nella classe di Andrei Ivanov, una figura maschile, un giovane disteso, si chinò sull’acqua, fu “impostato” come incarico per i pittori.

Nell’usanza dell’Accademia c’erano tali spettacoli tematici: il modello, che cadde sulla schiena, rappresentava il morto Abel o Icaro precipitato in autunno, e simili. Il modello, probabilmente, l’insegnante stesso ha proposto di trattare come Narciso, guardando in acqua. Ma Bryullov non era soddisfatto di ciò che vide e fu in grado di interpretare l’Accademia.

Decidendo di raffigurare la figura di Narciso circondata da un paesaggio, si recò al Giardino Stroganov sul fiume Nero, e la sua immaginazione fu popolata da densi boschetti da giardino con immagini mitologiche, gli occhi dell’artista notarono molti dettagli viventi: i raggi del sole che penetrano nel fogliame, una foglia che cadde sulla superficie dell’acqua e nettamente marcata la sua superficie liscia Lo studio accademico del modello si è trasformato in un dipinto finito “Narciso”. Questo lavoro ha già incarnato l’argomento della comunicazione tra uomo e natura, un argomento che è diventato uno dei temi principali nel lavoro dell’artista. Per questo lavoro, K. Bryullov ha ricevuto la seconda medaglia d’oro dell’Accademia delle Arti.

Guarda, il capo di Narciso ricorda in qualche modo sospettosamente le caratteristiche dello stesso Briullov, noto per i suoi numerosi autoritratti. Autoritratto nell’immagine di Narciso! Cos’è: un’ipotesi su se stesso, un’indicazione del tratto caratteriale che conosce dietro di sé e un avvertimento a se stesso: “Se semini un personaggio, raccoglierai un destino”?