Morte di Socrate – Jacques Louis David

Morte di Socrate   Jacques Louis David

La morte di Socrate – tela creata dal maestro francese – Jacques-Louis David. Come le altre opere del pittore, create in quel decennio, la trama del film si basa su una storia classica, in questo caso sulla morte di Socrate, raccontata da Platone nel dialogo di Fedon. In esso il filosofo fu condannato alla privazione della vita, con l’aiuto del veleno di cicuta, a causa della denuncia della presunta attività pericolosa del pensatore.

Invece di panico ed eccitazione, Socrate usa la sua posizione per insegnare l’ultima lezione per i suoi studenti.

Nella foto, un vecchio in camice bianco è seduto sul letto. È circondato da persone di età diverse, la maggior parte delle quali, a differenza del protagonista, sono preoccupate: piangono e si coprono il viso con le mani, il giovane estende la coppa al condannato, non guardando nella sua direzione, un uomo anziano è caduto sul letto, dietro l’angolo, nell’arco a sinistra, vedere altri personaggi rattristati.

La descrizione di questa storia contiene molte inesattezze storiche. Per semplicità, la composizione era priva di molti dei personaggi originariamente descritti da Platone. Questa e la presenza di Apollodoro, appoggiato all’arco, nonostante il fatto che nel dialogo sia stato mandato da Socrate, e la distorsione dell’età di molti studenti.

Nonostante il fatto che quando Socrate morì, Platone era ancora giovane, nella foto è un vecchio seduto ai piedi del moribondo. Perfino il volto di Socrate era idealizzato e diverso dal busto classico, che è considerato un riferimento. È calmo, perché vede la morte come uno stato separato, come un regno separato, un altro stato dell’essere. Ma Socrate non sta più vivendo per se stesso, ma per coloro che sono in lutto per il suo destino.

David usa il colore per enfatizzare la natura emotiva dell’immagine. Ad esempio, le sfumature del rosso sono più ovattate attorno ai bordi dell’immagine e verso il centro diventano più luminose, raggiungendo l’apice in un abito rosso scuro di un uomo che tiene una ciotola di veleno. Solo Platone e Socrate, vestiti con abiti bianco-bluastro contrastanti, rimangono calmi.

I colori muti possono essere la risposta di David ai commenti della critica che hanno definito la tavolozza del Giuramento degli Orazi “ostentata”.

La firma sotto la sede di Platone aiuta a concludere che la storia è presentata dal suo aspetto, e la seconda firma, sotto Criton, significa che l’artista si identifica con questo personaggio.

Esistono diverse contraddizioni riguardo alla data di origine del dipinto, ma nonostante il fatto che l’opera fu probabilmente concepita nel 1782, fu completata a Parigi nel 1787.