Morte dell’Inquisitore Pedro de Arbuez – Bartolomeo Esteban Murillo

Morte dellInquisitore Pedro de Arbuez   Bartolomeo Esteban Murillo

Sotto il re Ferdinando d’Aragona, l’influenza dell’Inquisizione aumentò. Nell’aprile del 1484 a Tarasona delle Cortes del Regno di Aragona, nel consiglio segreto, composto da persone invocate dal re, fu assegnato a Thomas Torquemade il posto di inquisitore capo del regno di Castiglia. Thomas Torquemada nominò fratello Gaspar Huglar, monaco domenicano, e il dottor Pedro Arbues d’Epil, il canone della chiesa metropolitana, come inquisitori della diocesi di Saragozza.

Il decreto reale ordinò alle autorità provinciali di assisterli, mentre i nuovi inquisitori nei mesi di maggio e giugno effettuarono diverse auto-feste pubbliche e cerimoniali e consegnarono alla corte secolare gli sfortunati imputati, che furono bruciati. Queste esecuzioni infastidivano sempre di più i nuovi cristiani del regno aragonese, che presto si aspettavano di vedere la ripresa di scene tra loro avvenute in Castiglia, dove un tribunale istituito appena tre anni fa, rovinato da monaci fanatici e sacerdoti migliaia di vittime.

Gli aragonesi videro che tutti i loro sforzi per impedire l’istituzione dell’Inquisizione tra loro erano vani e decisero di sacrificare uno o due inquisitori per intimidire gli altri. Erano convinti che dopo questo evento non ci sarebbero stati più dubbi sull’umore popolare, che nessuno avrebbe osato diventare un inquisitore, e il re stesso avrebbe rinunciato alla sua intenzione originale per paura di movimenti ribelli che potrebbero scoppiare in Castiglia e Aragona. “Quando la cospirazione fu approvata dai cospiratori, iniziarono a cercare assassini per sbarazzarsi del Dr. Pedro Arbues d’Epyla, il principale inquisitore di Saragozza.

Per proteggersi dai colpi degli assassini, l’inquisitore indossava una cotta di maglia sotto i suoi vestiti e qualcosa come un elmo di ferro, coperto da un berretto rotondo. Al momento dell’omicidio nella chiesa metropolitana, era inginocchiato su una delle colonne della chiesa, dove ora c’è un leggio per l’apostolo; accanto a lui c’era la sua lanterna e un grosso bastone era appoggiato alla colonna. Il 15 settembre 1485 dopo le undici di sera, mentre il canone nell’altare della chiesa leggeva le preghiere del mattino, Juan d’Esperaindeo, armato di spada, gli si avvicinò e lo colpì con un forte colpo con una lama sulla mano sinistra.

Vidal d’Uranzo, avvertito da Juan d’Abadia di essere colpito al collo, lo colpì da dietro con un colpo che spezzò l’armatura e fece una ferita così profonda sulla testa che l’inquisitore morì da esso due giorni dopo, cioè il 17 settembre.

I calcoli politici lo ispirarono, come Isabella, all’idea di onorare il ricordo di Arbues con una sorta di solennità, che contribuì notevolmente a presentarlo come santo e circondarlo di un culto speciale nelle chiese. Ciò accadde molto più tardi, quando papa Alessandro VII, il 17 agosto 1664, annoverò Arbues ai beati, come martire per la fede. E a tempo debito gli fu eretta una magnifica tomba, e il suo corpo vi fu deposto l’8 dicembre 1487. “