Minin su Nizhny Novgorod Square – Konstantin Makovsky

Minin su Nizhny Novgorod Square   Konstantin Makovsky

Scrivere questa monumentale opera patriottica ha richiesto all’artista sei anni. Questa tela è considerata la più grande della Russia, raffigura più di cento personaggi diversi.

Dopo che Ilya Repin ha scritto il dipinto “I cosacchi scrivono una lettera al sultano turco”, che è stato accettato dal pubblico con grande entusiasmo, Makovsky ha deciso di scrivere una tela su un tema patriottico che ha una risposta grande e riconoscente nei cuori del popolo russo.

Con grande responsabilità, l’artista si è avvicinato all’autenticità storica di un’opera così vasta. Andò a Nižnij Novgorod, dove passò molto tempo a studiare gli archivi. Da lì, apprese che l’azione che voleva catturare su tela avveniva in un giorno di mercato, non lontano dalla chiesa di Nikola.

Fu lì che Kozma Minin si rivolse ai cittadini di Nižnij Novgorod con il suo appello.

Per aver scritto facce di molti personaggi, Konstantin Makovsky ha fatto schizzi di persone direttamente dalla strada dalla finestra della sua camera d’albergo sulla strada. Rozhdestvensky, studiando il comportamento e le abitudini dei rappresentanti di varie classi. L’artista è stato in grado di trasmettere in modo molto affidabile il personaggio e persino l’umore di ogni persona raffigurata sulla tela.

A Nižnij Novgorod, Makovsky conosce Andrei Osipovich Karelin, un famoso fotografo di Nižnij Novgorod, artista e collezionista di antichità che aiuta l’artista a ripristinare l’aspetto di varie persone di quel tempo, casse e cassapanche nella foto sono tratte da oggetti reali.

L’artista ha raffigurato una prima mattina d’autunno, il guardiano Zemstvo Kozma Minin da un podio improvvisato sollecita la gente del bazar riunita all’asta per aiutare nella lotta per la liberazione dello stato di Mosca dagli invasori stranieri. Persone completamente diverse portano i loro risparmi e le loro cose e le mettono vicino a Minin.

Naturalmente, dopo aver scritto, la prima foto vide Nizhny Novgorod nel 1896. Un’enorme tela patriottica di oltre 6 metri quadrati ha creato una vera sensazione, provocando molte polemiche e pettegolezzi, non morendo fino ad oggi.