Menshikov a Berezove – Vasily Surikov

Menshikov a Berezove   Vasily Surikov

Surikov scrisse il dipinto “Menshikov in Berezov” a metà del 1883. A causa di ciò, cominciò a essere chiamato non solo un artista, ma anche un pittore-storico. È stato in grado di visualizzare accuratamente vari eventi storici. Quindi, l’immagine “Menshikov in Berezov” raffigura uno dei più potenti associati di Pietro I – Alessandro Menshikov.

Quest’uomo esisteva davvero. È noto dalla storia che dopo la morte di Pietro il Grande, tutti i premi ricevuti in precedenza furono portati via da Menshikov, dopo di che lui e la sua famiglia furono inviati in Siberia, o piuttosto nella città di Berezov.

L’artista ha raffigurato una stanza piccola, angusta e scomoda in cui deve trascorrere le sue giornate non solo per Alessandro, ma per tutti i suoi parenti. Questa stanza è più simile a una cella di prigione che a una casa per una famiglia numerosa. Il soffitto è molto basso, quindi è abbastanza difficile per una persona alta spostarsi qui. Attraverso una piccola finestra in casa quasi non arriva luce. La figlia maggiore di Menshikov si chinò sul libro per vedere almeno qualcosa.

Sugli scaffali: alcune icone.

A causa dell’affollamento, alcuni movimenti di persone che si trovano in una determinata stanza sono limitati. I volti di tutti sono molto tristi. Questo Surikov, per così dire, sottolinea la disperazione del destino umano. Anche il colore dell’immagine aumenta la tensione creata.

Non ci sono colori vivaci, il che sottolinea ulteriormente l’umore depresso Menshikov.

La trama si basa su una sera nella vita di un principe. Trascorre il suo tempo con la sua famiglia. Tuttavia, ciascuno dei suoi membri è impegnato con i propri affari.

Il vecchio, che solo di recente aveva tutto, ora non ha nulla. Sulla sua faccia – la tristezza di ricordi impetuosi.

Agli occhi dei bambini c’è anche solo tristezza. La figlia maggiore legge, ma l’ex principe non la ascolta – è stato lasciato solo con i suoi pensieri. Il film rivela il dramma della personalità storica di Alexander Menshikov, che in un attimo perse tutto.