Membri della famiglia di fronte alla reliquia della Santa Croce – Tiziano Vecellio

Membri della famiglia di fronte alla reliquia della Santa Croce   Tiziano Vecellio

Il dipinto è menzionato nell’inventario della collezione Vendramin del 1569. Venduto all’asta a Venezia nel 1636. Era nella collezione di Anthony Van Dyck.

Nel 1645, acquistato dal duca di Northumberland. Fu nella collezione Northumberland fino al 1929, quando fu acquistato dalla London National Gallery.

La famiglia Vendramin era una delle famiglie patrizie più nobili di Venezia. Il ritratto raffigura Gabriele Vendramin, mecenate e collezionista, cliente Giorgione e Tiziano, e suo fratello Andrea Vendramin con i suoi sette figli.

Il ritratto si inginocchia davanti alla reliquia – una croce, presentata nel 1369 dal Cancelliere di Cipro a uno dei Vendramini, che guidò la Scuola di San Giovanni Evangelista – una delle associazioni più influenti di laici a Venezia. Il ritratto di Tiziano al centro rappresenta Gabriele Vendramin, che posò la mano sull’altare, alla sua sinistra suo fratello Andrea Vendramin. Dietro Andrea, il figlio maggiore Leonardo, in basso – Luca, Francesco e Bartolo.

Sulla destra ci sono i figli più piccoli – Federigo con un cane bianco, Giovanni e Filippo.

La base per la datazione del ritratto è il fatto che Andrea Vendramin e il suo figlio maggiore Leonardo sono morti nel 1547, e il figlio più giovane di Andrea in quel momento aveva già 12 anni, mentre nella foto sembra più giovane. Pertanto, molto probabilmente il ritratto è stato scritto a metà degli anni ’40