Mattina in una foresta di pini (tre orsi) – Ivan Shishkin

Mattina in una foresta di pini (tre orsi)   Ivan Shishkin

Negli spazi domestici, non troverai la seconda tela “hit”, la cui trama è presente sul copriletto di una rara nonna ricamato con dumochka, tovaglie, piatti e persino involucri con un piede torto carino. Ricordi dei genitori, cioccolatini e mosse di pubbliche relazioni – questo è ciò che ci impedisce di dimenticare I. L’immagine di Shishkin “Morning in a Pine Forest” o, in comune, “Three Bears”.

E solo se Shishkin? Gli orsi sono stati dipinti su tela da K. Savitsky, che all’inizio ha ritratto due dita dei piedi e poi ha aumentato il loro numero a quattro. Una volta Shishkin, nonostante i suoi successi piuttosto significativi nella pittura animale, non era in grado di raffigurare gli orsi, quindi ha semplicemente sfruttato il povero ragazzo di Savitsky e non gli ha nemmeno permesso di iscriversi alla foto. In effetti, gli artisti erano amici e gli orsi apparvero solo dopo che quest’ultimo disse che la tela non era dinamica.

Shishkin poteva dipingere chiunque, ma non gli orsi, quindi diede a Savitsky l’opportunità di far rivivere il dipinto e mettere una firma. Il collezionista P. Tretyakov non era così fedele: ha comprato un dipinto da Shishkin, e questo significa che è la sua paternità, quindi qui non può esserci Savitsky. In generale, l’iscrizione è stata cancellata e “Mattina in una pineta”

Candy “Teddy-bear” con la riproduzione di Shishkin su involucri di caramelle e ha dato il nome al dipinto “Three Bears”. La delicatezza apparente aveva un ripieno di mandorle, fave di cacao, costose, ma era così gustoso che persino l’agitatore di tutti e di tutto ciò che V. Mayakovsky non poteva resistere e scrisse che dicevano, se si desidera “Orsi”, quindi mettere una certa quantità di denaro sul libretto. Fu così che “Bear Kosolapy” divenne “Three Bears”, una caramella – uno dei segni distintivi dell’URSS e I. Shishkin – un artista folk.

È vero, era il cantante della natura della sua terra natale e prima degli Orsi. L’artista voleva ed era in grado di sorprendere, soprattutto, i paesaggi che aveva scritto così gioielli da meritare la gloria di un maestro dei dettagli. Solo lui vedrà una foschia di nebbia, come se fluttuasse tra i rami di pini secolari, muschio morbido e accogliente su massi, acqua limpida, mattina o sera fresca, caldo estivo di mezzogiorno. È interessante notare che tutti i dipinti dell’artista sono parzialmente epici, ma monumentali – sempre.

Allo stesso tempo, Shishkin non è patetico, è semplicemente l’uomo che ammira sinceramente la maestosa natura della sua terra natale e sa come rappresentarla.

“Morning in the pine forest” pacifica l’equilibrio della sua composizione. Tre cuccioli di orso guardano molto armoniosamente con la loro orsa madre e alle due metà di un pino caduto si vuole applicare una proporzione divina. Questa immagine è come una cornice casuale su una vecchia macchina fotografica che un turista, che è alla ricerca di una vera natura vergine da così tanto tempo, è riuscito a realizzare.

E se guardi il colore dell’immagine, l’artista sembra cercare di catturare tutta la ricchezza dei colori dei pori dell’alba. Vediamo l’aria, ma non è la solita tonalità blu, ma piuttosto un blu-verde, un po ‘fangoso e nebbioso. I colori prevalenti che circondavano gli goffi abitanti della foresta sono il verde, il blu e il giallo sole, che riflettono l’umore della natura sveglia. Lo sfarfallio luminoso dei raggi dorati sullo sfondo sembra suggerire il sole, che sta per illuminare la terra.

Sono questi punti salienti che danno solennità all’immagine, sono loro che parlano del realismo della nebbia sopra il suolo. “Morning in a pine forest” è un’altra conferma della natura tattile delle tele di Shishkin, perché puoi persino sentire l’aria fresca.

Guarda attentamente la foresta. Il suo aspetto è trasmesso in modo così realistico che diventa chiaro: questa non è una radura della foresta, ma un boschetto sordo – una vera concentrazione di natura vivente. Un po ‘di sole sorgeva su di esso, i cui raggi erano già riusciti a raggiungere la cima delle cime degli alberi, schizzandoli d’oro e di nuovo nascosti nella boscaglia.

Nebbia bagnata, non ancora dispersa sembra aver risvegliato gli abitanti dell’antica foresta.

Qui i cuccioli di orso e l’orso si sono svegliati, avendo sviluppato la loro vigorosa attività. Gli orsi soddisfatti e ben nutriti al mattino imparano a conoscere il mondo che ci circonda, esplorando il pino caduto più vicino e osservando l’orso madre per i bambini che si aggrappano a un albero coccolosamente e goffamente. Inoltre, l’orso osserva non solo i cuccioli, ma cerca anche di catturare i minimi suoni che possono disturbare il loro idillio. È sorprendente come questi animali, dipinti da un altro artista, siano stati in grado di far rivivere la soluzione compositiva del dipinto: il pino caduto sembrava essere stato creato per questa famiglia di orsi, impegnato con i loro affari importanti sullo sfondo di un angolo remoto e selvaggio della natura russa.

Il dipinto “Morning in a Pine Forest” rivela l’abilità di un’immagine realistica e la sua qualità, e per molti aspetti è all’avanguardia rispetto alla moderna tecnologia digitale. Ogni filo d’erba, ogni raggio di sole, ogni ago di un pino è scritto da Shishkin con amore e riverenza. Se il primo piano della tela raffigura un pino caduto con orsi che si arrampicano su di esso, allora un’antica foresta si trova sullo sfondo. Gli orsacchiotti e il resto della natura evocano in ogni persona pacificando emozioni positive.

Gli animali, come quelli giocattolo, riempiono l’inizio di un nuovo giorno con gentilezza e si sintonizzano con il pensiero positivo. Guardando questi simpatici animali, non credete che siano predatori per natura e non possano essere capaci di crudeltà. Ma la cosa principale non è nemmeno quella. Shishkin focalizza l’attenzione dello spettatore sull’armonia della luce solare, che viene dallo sfondo dell’immagine con i cuccioli in primo piano.

Traccia visivamente una linea attraverso di loro – e noterai sicuramente che questi sono gli oggetti più luminosi nella foto, e tutto il resto, compresi i pini di forma irregolare, sono solo tratti complementari.

Sembra che “Mattina in una pineta” raffigura veri e propri orsi viventi in una specie di paesaggio fantastico. La foresta Vyatka, da cui la natura è stata ritirata, dicono i ricercatori, è molto diversa da Shishkinsky. È semplicemente interessante sapere se gli orsi esistono lì adesso, perché il quadro che ha sollevato il gusto estetico e morale delle persone nel corso di un secolo sta chiedendo che l’ambiente venga trattato con cura.