Maria con il bambino sul trono – Antonio Vivarini

Maria con il bambino sul trono   Antonio Vivarini

Fu ricevuto dall’eredità del conte Janos Palffy, dal suo palazzo Pozhonsky, nel 1912. Nonostante l’innegabile valore artistico di questo dipinto, non è stato ancora possibile identificare il suo autore, sebbene in stile sia senza dubbio vicino al noto rappresentante della scuola di Murano, Antonio Vivarini. Probabilmente, l’immagine è opera di uno dei migliori studenti che hanno lavorato nel laboratorio Vivarini.

Il ricco disegno di un broccato su un abito di Madonna, una modellatura del viso molto plastica, dettagliata e leggermente solida, così come alcuni altri dettagli indicano che l’artista è stato influenzato da altri maestri, in una certa misura – Giambono, ma in misura maggiore – Bartolommeo Vivarini. Questa natura mista della pittura è la causa dell’incertezza nella creazione della paternità del dipinto.

Inizialmente, i ricercatori lo consideravano l’autore dello stesso Antonio Vivarini, poi qualcuno del suo laboratorio, ad esempio Giovanni d’Almania o Bartolommeo Vivarini, e si supponeva che l’immagine di Budapest fosse una collaborazione di questi tre maestri.

Per un po ‘, Berenson lo attribuì all’artista Antonio da Negroponte, che conosce solo un’opera. Ma in seguito Berenson ha respinto questo assunto. Le prime opere di Bartolommeo Vivarini sono molto simili a quelle del fratello maggiore; anche il suo stile estremamente personale non poteva nascere di giorno in giorno, e le sue prime opere potevano assomigliare alla nostra immagine. Probabilmente era il fulcro di un battente a doghe multiple.

Indubbiamente, lo stesso maestro scrisse la “Madonna” nell’altare della chiesa di Santa Maria della Colonna a Rutilione.