Mare a Saint-Marie – Vincent Van Gogh

Mare a Saint Marie   Vincent Van Gogh

Il dipinto di Van Gogh “Il mare di Saint-Marie” è un paesaggio piuttosto teso e impetuoso. La maggior parte della tela è occupata dall’immagine dello spazio del mare. La superficie dell’acqua è rappresentata da un flusso turbolento irrequieto di energia dell’acqua, elementi del mare.

Le pennellate raffiguranti le onde sono applicate con uno spesso strato di pittura ad olio, la tela è sovraccarica e la dinamica dell’immagine è estrema.

Il piano dell’immagine trasmette in modo più preciso il movimento multidirezionale e inconciliabile dell’acqua. Il mare è irrequieto, l’energia delle sue profondità emerse e disturba piccole e, si può dire, minuscole barche a vela, minuscole rispetto allo spazio idrico generale.

Il mare funge da immagine centrale e cattura lo spettatore con il suo instancabile movimento, in cui si sentono la vita interiore, l’impulso, l’aumento della respirazione e il desiderio di esistere. Il mare è una forza, un ritorno senza fine, un flusso silenzioso senza fine, simile al flusso di coscienza.

Il mare a Saint-Marie è multicolore e sfaccettato. Il cielo è quasi volatile e coloristicamente ambiguo. Due spazi sembrano fondersi l’uno con l’altro: il cielo riflette gli impulsi del mare e l’elemento acqua sale verso l’alto, cercando di raggiungere e bucare il cielo, saturare l’aria con l’umidità e risvegliare il maltempo, disturbare il mondo e provocare una tempesta.

Le vele bianche come la neve di numerose barche animano il quadro, saturandolo con la verità del momento, l’autenticità dell’esperienza.

Tratti colorati vengono applicati come se il vento stesso li avesse raffigurati: impetuosamente e presto. L’immagine principale del mare appare contemporaneamente frammentata e intera. Questo non è un gioco, non solo un’immagine: è l’aria, è una parte della vita stessa, per il gusto di esistere, forse, per vedere questo mare, questi colori, questa vita momentanea. Disperatamente rapidamente, disperatamente, il tempo passa rapidamente, la vita passa.

La realtà circostante e i colori che la colorano: tutto cambia davanti ai tuoi occhi. Il mare, come il tempo, mescola i colori, confronta luce e ombra, estraendo nuove immagini e spazi da esso.

Il mare è uno spazio di instabilità, moto perpetuo, rinascita perpetua. L’immagine come se fosse strappata, non è abbastanza per lui delle dimensioni della tela. Il mare è impossibile da chiudere in qualsiasi quadro strettamente definito, è strappato in modo incontrollabile oltre i confini dei suoi confini. La corona della vela poggia contro i bordi dell’immagine come se avvertisse la tenuta della tela.

Questa immagine ricorda una fotografia che cattura la cosa principale, senza concentrarsi su dettagli eccessivi.