Mar Nero – Ivan Aivazovsky

Mar Nero   Ivan Aivazovsky

L’immagine di IK Aivazovsky “Mar Nero” ha una sorta di misterioso fascino. Fa sì che lo spettatore non solo guardi l’elemento indisciplinato dell’acqua, ma provi anche tutto il tumulto del suo personaggio.

La prima cosa che colpisce l’occhio è un chiaro confine che separa i due confronti eterni: acqua e aria. La loro lotta è marcata in tutto, e soprattutto si nota nei toni che l’artista usa. Grigio-verde, in alcuni punti terribilmente nero del mare, la personificazione di qualcosa di furioso e severo, in contrasto con il cielo grigio-blu, un simbolo di calma, da qualche parte che diventa lontano bianco puro.

E la stessa foschia bianca pura all’orizzonte sembra suggerire che il vicinato di due elementi in difficoltà è impossibile.

Ovviamente, l’immagine principale della tela è il mare infinito, che IK Aivazovsky ha catturato al momento della tempesta. È come un’entità vivente con un’anima irrequieta. Puoi vedere come aumenta il vento, raggiungendo onde minacciose, pronto ad assorbire qualsiasi viaggiatore del mare. È impossibile capire dove ha luogo la nascita di quei piccoli “agnelli”, che poi diventano le creste delle onde terribili. Sembra che fossimo lasciati soli con una formidabile forza naturale che sembrava portarlo con noi nelle distese più lontane o portarlo nell’abisso senza fondo.

Sebbene da qualche parte in lontananza la vecchia barca fu persa insieme al suo proprietario. La presenza di un dettaglio così piccolo, che indica la presenza di una creatura vivente, indica quanto una persona piccola e insignificante sia paragonata ai terribili elementi nati dalla natura.

È difficile non sentire quanto sia forte il talento artistico di Aivazovsky. Riuscì non solo a rappresentare lo stato turbolento del paesaggio marino, ma anche a mostrare il suo potere interiore spaventoso. Rende chiunque ammirare la tela “Mar Nero”.