Malle Babbe – Frans Hals

Malle Babbe   Frans Hals

Le foto dei maestri olandesi del 17 ° secolo di solito ci dipingono l’immagine di una vita calma e misurata piena di lavoro e intrattenimento innocente. Tuttavia, non tutto era così sereno e accogliente in questo mondo. C’era posto per i poveri, gli storpi e i senzatetto smobilitati. In breve, a tutti coloro che sono stati gettati al lato della vita.

La società, ahimè, era crudele con questi infelici. Avevano paura, erano stati precedentemente attribuiti inclinazioni criminali. Erano aspettati in ogni città e in ogni villaggio da una frusta, una forca e un marchio piccante.

Il rapido sviluppo economico del paese non solo non ha migliorato la loro situazione, ma, forse, ha reso ancora più difficile. I “nuovi” olandesi credevano che tutte le piaghe della società – ubriachezza, povertà, follia – dovessero essere nascoste lontano dagli occhi, fingendo che non esistessero. Ma Hals ha trovato il coraggio di raccontare questo lato oscuro della vita.

Malle Babba, l’aggressore di una delle taverne della città, fu chiamata ai suoi occhi la “strega di Harlem”. Ha ricevuto questo soprannome per risate demoniache, e anche per il gufo che si è sempre seduto sulla sua spalla. Per molto tempo, il nome di questa donna è stato considerato fittizio, ma ora abbiamo documenti che indicano che Malle Babba esisteva davvero e nel 1653 fu collocato in una casa di correzione. Era una strega?

Possiamo solo indovinarlo.