Madonna – Simone Martini

Madonna   Simone Martini

Simone Martini – uno dei maestri più importanti della scuola senese del XIV secolo. L’arte di Siena fu influenzata dal gotico settentrionale. Grazia elegante, decorativa, raffinata, caratteristiche che contraddistinguono la pittura di Siena – sono caratteristiche di Simone Martini.

Tuttavia, fu influenzato dall’opera di uno dei primi maestri del Rinascimento italiano, il pittore fiorentino Giotto.

L’arte profondamente ispirata di Simone Martini è in linea con la poesia lirica di Francesco Petrarch, con la quale l’artista ha avuto una grande amicizia. Per Petrarca Martini dipinse un ritratto di Laura, amata dal poeta e cantata da lui in versi. Il dipinto “Madonna” si riferisce al periodo tardo creativo di Simone Martini, il suo tempo nel sud della Francia, ad Avignone, nel 1339-1342.

Rappresenta il battiscopa dittico, che raffigurava la scena dell’Annunciazione.

L’immagine affascina la bella combinazione di uno sfondo dorato con toni di vestiti rossi e blu, la levigatezza delle linee che canta, il movimento aggraziato delle delicate mani di Maria. Nelle proporzioni allungate, la sagoma curva della figura è avvertita dall’influenza del gotico. Per molto tempo si credeva che la seconda porta con l’immagine dell’Arcangelo Gabriele, che aveva portato a Maria la notizia della prossima nascita di Cristo, fosse andata persa.

Ora si presume che questo otturatore sia l’Arcangelo conservato nella National Gallery di Washington, “le cui dimensioni e ornamenti della cornice coincidono con l’immagine dell’Ermitage. Madonna” era nella collezione del conte G. S. Stroganov a Roma. Nel 1911, secondo la volontà del proprietario, fu trasferito all’Ermitage.