Madonna Rucellai – Duccio di Buoninsegna

Madonna Rucellai   Duccio di Buoninsegna

Il 15 aprile 1285, la comunità di Maria della chiesa fiorentina di Santa Maria Novella commissionò a Duccio di scrivere una grande immagine della Madonna per la loro cappella. Nel XVI secolo. questa immagine fu trasferita in un’altra cappella di questa chiesa, nella Cappella Rucellai, da cui il nome dell’immagine. Questa forma di immagine dell’altare con un frontone triangolare era comune nella pittura italiana del 13 ° secolo.

Un’ampia cornice dipinta decorata con immagini semi-figurate di Gesù, ventiquattro profeti e santi domenicani, tra cui il martire Pietro e il fondatore della comunità, si trova raramente tra i monumenti conservati di quell’epoca. Quasi l’intero spazio del dipinto è riempito con la figura spietata della Madonna, vestita con un mantello blu-verde, seduta su un trono di legno decorato con una scultura. In grembo, tiene il bambino in una veste bianca e dorata.

Il trono della Regina del Cielo con riverenza si abbassò a terra inginocchiandosi angeli, tre su ciascun lato.

Un’immagine spaziale dettagliata del trono sottolinea la credibilità della scena. L’immagine del trono, mostrata in prospettiva un po ‘lateralmente, segue le tradizioni dei maestri più anziani, può essere paragonata all’immagine del cavalletto di Guido e Siena e all’affresco del Maestas Cimabue del Maestas Cimabue. lo sviluppo piuttosto delle aspirazioni della moderna scuola senese nello spirito del gotico francese. Semplici giochi di linee decorative nel dipinto di Duccio, la delicatezza dei colori trasparenti e caldi sono nuovi fenomeni in Italia Pittura di Nskoy.