Madonna con i tre tesorieri – Jacopo Tintoretto

Madonna con i tre tesorieri   Jacopo Tintoretto

Come in molte altre tele di inizio del Rinascimento italiano, qui Tintoretto combina tradizionalmente una trama sacra con i ritratti di persone reali che erano clienti del dipinto. Questi sono i tesorieri della repubblica: Michele Pisani, Lorenzo Dolphin e Marino Malipiero.

Sotto il loro stemma, fuso in un unico campo nell’angolo sinistro, c’è il motto latino: “unanimas concordiale simbolus”, e la data del 1566, significativa per Tintoretto. Quest’anno è stato ammesso all’Accademia fiorentina di disegno insieme ad altri veneziani – Tiziano, Palladio, Sansovino e Salviati.

Si presume che l’opera stessa sia stata scritta un po ‘più tardi, e da quel momento il servizio di Malipiero raffigurato su di esso era già terminato. I tre statisti di Venezia, investiti di potere finanziario, impeccabilmente onesti nell’esercizio delle loro funzioni di responsabilità, nel loro culto di Maria e del Bambino allo stesso tempo ringraziano Madonna per il patrocinio celeste e come se le dedicassero i risultati delle loro fatiche per il benessere della Repubblica.

Secondo B. V. Wipper, Tintoretto attira non tanto l’immagine fisica quanto emotiva, non sensuale, ma sociale ed etica di una persona. È questa parentela spirituale che unisce ritratti così diversi del maestro. È interessante notare che i ritratti qui non sono solo immagini di donatori e segretari con sacchi di denaro, ma anche santi: Sebastian, Mark, Theodore. Le vesti nere degli eroi sottolineano il nobile splendore della tela, un alto campione di colorismo veneziano con il suo potere decorativo ed espressivo.