Live Bridge – Franz Rubo

Live Bridge   Franz Rubo

“I primi colpi del regno dell’imperatore Alexander Pavlovich furono destinati ad essere ascoltati nel Caucaso… Nel 1805, seguì l’invasione delle orde persiane.

Le truppe russe erano solo 8000 persone sparse in tutto il Caucaso. Le principali forze persiane – 40.000 soldati del principe ereditario Abbas-Mirza si trasferirono a Tiflis, minacciando di ripetere gli orrori dell’invasione del 1795. Ma sul fiume Askerani l’orda assetata di sangue ha incontrato un inaspettato rifiuto.

Sulla sua strada c’era un numero debole, ma il grande distacco del colonnello Karyagin – 493 persone con due pistole. Quattordici giorni – dal 24 giugno al 7 luglio – questa manciata di uomini coraggiosi respinse gli attacchi di 20.000 persiani – e poi sfondò il loro anello, trasportando entrambe le loro armi attraverso i loro corpi, come su un ponte vivente. Nei ranghi non sono rimaste più di 150 persone.

Per quattro giorni il distacco resistette nel cimitero tataro nel tratto di Karagach, soffrendo la sete, respingendo gli attacchi e, a sua volta, facendo avventure coraggiose. La notte del 28 giugno Karjagin subì un improvviso attacco da parte del castello di Shah-Bulakh, dove rimase dieci giorni prima della notte dell’8 luglio, quando lasciò segretamente lì, non notato dai persiani. … L’iniziativa del “ponte vivente” appartiene all’ordinario Gavrila Sidorov, che ha pagato il suo sacrificio con la sua vita. “