Le tre grazie – Peter Rubens

Le tre grazie   Peter Rubens

Nel 1630, Rubens parte dalla rumorosa vita sociale e crea solitudine nel castello di Stan. Qui appare una delle opere più famose del pittore – “Tre grazie”. Oggi l’immagine non smette mai di sorprendere: il nome differisce molto dal contenuto per lo spettatore moderno, cresciuto secondo gli standard di bellezza inerenti ai nostri tempi.

Nel frattempo, i corpi femminili di Rubens sono un intero strato di critica d’arte.

L’artista ha sempre dipinto la natura femminile in modo diretto, onesto e aperto. I suoi corpi nudi sono rilassati, ma non volgari, erotici, ma non volgari. Rubens credeva che il corpo umano fosse la creazione di Dio e vergognarsi di ritrarre significa vergognarsi di questa creazione, che era semplicemente impensabile per un artista religioso.

Le eroine dei dipinti sono antiche grazie che si muovono in una danza fluente.

Sorprendentemente, ciascuno esaminando la tela, può chiaramente sentire quanto l’artista ammira i loro corpi leggermente grassoccia. Questo entusiasmo dell’autore è così contagioso che, indipendentemente dai canoni della bellezza, lo spettatore inizia inconsapevolmente ad ammirare le eroine della trama. Linee morbide, movimenti del corpo eleganti, curve piene di felicità – tutto questo è un inno alla bellezza del corpo femminile.

Come affermazione di ciò, vediamo fiori intrecciati sopra le teste delle eroine, che risuonano compositivamente con i loro corpi tessuti nella danza. È noto che la grazia, situata a sinistra, il maestro dipinse dalla vita – questa è la seconda moglie di Rubens Elena Furman. L’autore si è appena sposato e immerso nella felicità ritrovata. Lo stesso Rubens amava questa foto e non voleva separarsene, quindi la tela era appesa nella casa dell’artista. Solo dopo la sua morte, il dipinto fu messo in vendita e il primo acquirente fu il re spagnolo Filippo IV.

Quindi le Tre Grazie furono portate in Spagna, dove vivono ancora.