Le donne in giardino – Pierre Bonnard

Le donne in giardino   Pierre Bonnard

La natura creativa e amante della libertà di Bonnard ha resistito a qualsiasi restrizione, qualunque sia la sfera della vita, e ancor più l’arte, non ha riguardato. La sua ricerca creativa non viene interrotta fino alla sua morte, è costantemente alla ricerca di soluzioni per superare i canoni regolati dalla pittura a cavalletto. Uno degli obiettivi principali che l’artista si prefigge, dedicando la propria vita alla creatività è il superamento dei confini che separano le diverse aree dell’arte: teatro, poesia, musica.

Combina arte e vita: il motto in base al quale Bonnard ha lavorato instancabilmente.

All’età di ventiquattro anni, l’artista “nabista” ha creato il ciclo “Donne nel giardino”, costituito da quattro pannelli, che sono stati concepiti da loro come decorazione di uno schermo. Bonnard progettò di esporli nel 1891 al Salon of the Independent, ma alla mostra furono esposti separatamente e furono presentati con il nome di “Pannello decorativo”. L’artista ha spiegato la sua decisione dal fatto che nella sua visione, le opere erano più dipinti che schermi.

Le modalità di esecuzione dei dipinti, nonché i loro soggetti – un omaggio all’arte giapponese, a cui Bonnard. Su uno sfondo piatto sono raffigurate sagome piatte di personaggi. Non c’è luce né ombra né discorsi sui mezzi toni.

Tutti gli elementi del dipinto sono decorativi, che è anche caratteristico dell’arte dell’estremo oriente.

È dai dipinti di questa serie che iniziano i lavori decorativi nell’opera di Bonnard.