Lazy Man – Frederick Leighton

Lazy Man   Frederick Leighton

Leighton iniziò a sperimentare la scultura quando si inventò l’uso di modelli “ausiliari” di argilla quando lavorava su tele a più figure. Questi modelli, come ricordiamo, hanno aiutato l’artista a determinare le pose dei personaggi dell’immagine futura, a chiarire la direzione delle pieghe dei vestiti – in breve, hanno svolto la funzione “non qualificata”.

Avendo finito di lavorare su un studio di composizione su larga scala, Leighton di solito buttava via la maggior parte dei modelli, ma con alcuni ha realizzato calchi in gesso, che ha tenuto nel suo laboratorio. Più tardi, il maestro creò tre sculture, in bronzo, una delle quali fu chiamata “Lazy”, 1882-85.

Il più riuscito, secondo l’opinione generale, a Leighton è la scultura “The Athlete Fighting Python”. Ha ricevuto molti elogi alla mostra della Royal Academy nel 1877. La base di Leyton prese il popolare mito greco, che racconta del profeta troiano Laocoonte strangolato con serpenti.

L ‘”Atleta” fu immediatamente annunciato come un nuovo passo nella scultura inglese, che a quel tempo stava vivendo un periodo di profondo declino.

Sullo sfondo di statue del parco inesprimibili e busti di ritratti che escono da sotto lo scultore degli scultori britannici, l ‘”Atleta” sembrava davvero vantaggioso. Questa potente opera naturalistica ha portato all’artista la medaglia d’oro dell’Esposizione di Parigi del 1878.