La vita ovunque – Nikolay Yaroshenko

La vita ovunque   Nikolay Yaroshenko

Il tema delle contraddizioni sociali è stato uno dei principali nell’opera di N. A. Yaroshenko. Tra le opere di genere dell’artista, la più famosa è stata la pittura “Tutta la vita”. Il lavoro è stato scritto sotto l’impressione della storia di Leo Tolstoy “Cosa rende le persone vive?”, E il suo nome originale era “Dov’è l’amore, c’è Dio”

La tela raffigura i prigionieri della macchina carceraria, osservando i piccioni. L’autore, avendo scelto una trama così semplice e semplice, sottolinea l’ingiustizia della vita reale: come possono le persone con tali persone piene di calore e buona natura essere criminali? Sono molto più umani di molti che sono rimasti liberi dall’altra parte della macchina.

Non è un caso che il gruppo centrale di personaggi assomigli alla Sacra Famiglia, in esso puoi indovinare i personaggi del Vangelo: Madonna col Bambino, tre saggi con doni sotto forma di briciole di pane e la designazione simbolica di Dio Padre – colombe. Sembra che Yaroshenko abbia fermato il momento della vita amara di un popolo semplice, ma oppresso, affilato in un’auto verde sporca e squallida, dove è buio e umido. La vita è ovunque, è ovunque, si insinua in un altro finestrino della macchina, attraverso il quale si riversa la luce di una giornata estiva, ma è privata di questa povera gente comune che è caduta dietro le sbarre. “Quanto dice al suo cuore”, ha detto Leo Tolstoy a proposito del film.