La sedia di Vincent con la sua pipa – Vincent Van Gogh

La sedia di Vincent con la sua pipa   Vincent Van Gogh

All’inizio di dicembre 1888, Van Gogh iniziò un paio di quadri sospesi con le sedie di Gauguin e le sue. Queste immagini non sono solo nature morte, ma piuttosto iconografie, che ricordano l’uso allegorico di motivi nelle nature morte olandesi del XVII secolo.

La fiamma di una candela, per esempio, gli è comune e simboleggia la luce e la vita. Questi dipinti sono anche ritratti indiretti. Sulla sedia di Gauguin, Van Gogh ha inserito due libri che possono essere riconosciuti dal colore delle loro copertine come romanzi moderni francesi. Mise una pipa e un sacchetto sulla sedia e sullo sfondo c’erano cipolle germogliate.

La sedia di Gauguin è una scena notturna e la sua giornata.

C’è un altro sottotesto in questa coppia di dipinti. Nel 1883, Van Gogh raccontò a suo fratello la storia che aveva letto dello scrittore inglese Charles Dickens e dell’illustratore Luke Fildes. Alla morte di Dickens, Fildes realizzò un disegno che fu stampato in The Graphic, un’edizione illustrata le cui incisioni furono raccolte da Van Gogh.

L’immagine mostrava l’ufficio di Dickens e ora la sedia era vuota. Van Gogh spiegò a suo fratello cosa significasse per lui questa immagine. Lo vide come un simbolo della perdita dei grandi pionieri della letteratura e dell’illustrazione grafica attraverso la morte.

Inoltre, queste persone – specialmente gli artisti che hanno creato le immagini che accompagnano e illustrano la letteratura moderna – hanno lavorato, come credeva Van Gogh, in un unico spirito.

La loro comunità artistica e gli sforzi comuni hanno fornito a Van Gogh un modello per il suo sogno di una nuova associazione di artisti, basato sullo “Studio del Sud”, fondato all’arrivo di Gauguin ad Arles.