La scelta della sposa Zar Alexei Mikhailovich – Grigory Sedov

La scelta della sposa Zar Alexei Mikhailovich   Grigory Sedov

Le circostanze del matchmaking dello zar Alexei Mikhailovich furono descritte in molte fonti storiche, ma apparentemente G. S. Sedov si basava principalmente sul testo di S. M. Solovyov, poiché era lui che diceva di sei ragazze, di cui il re scelse Euthymius Vsevolozhskaya: All’inizio del 1647, il re decise di sposarsi, su 200 ragazze scelse sei tra le più belle, di queste sei, il re ne scelse una: la figlia di… Fyodor Vsevolozhsky; avendo appreso della sua felicità, eletta da un forte shock, svenne, e da ciò concluse immediatamente che malattia dell’epilessia.

E gli sfortunati, insieme ai loro parenti, furono esiliati in Siberia. Da dove, nel 1653, furono trasferiti nel lontano villaggio del distretto di Kosimov. Quindi racconta una notizia straniera.

Notizie russe affermano che le madri e le sorelle di nobili fanciulle che il re non scelse furono viziate da Vsevolozhskaya. “Si può presumere che nella foto Eufimia Vsevolozhskaya sia raffigurata all’estrema sinistra, in piedi di profilo per lo spettatore, vestita con un abito di velluto blu, rifinito con pelliccia di scoiattolo. Tra le sei ragazze, si distingue per la sua altezza, l’abbigliamento più povero, la posa, la sfuggente nobiltà dell’apparenza.

L’immagine del giovane zar Alexei Mikhailovich corrisponde alle descrizioni del suo carattere e aspetto che ci sono pervenuti: “L’apparizione dello zar Alexei, come lo descrivono testimoni oculari stranieri, ci spiega molto sul suo personaggio; fisico… ” Dopo aver appreso della malattia di Eutimio Vsevolozhsk, il re “ne fu molto triste e perse cibo per molti giorni”. Dopo qualche tempo, il re vide nella chiesa due figlie del nobile moscovita Ilya Miloslavsky.

La sua scelta cadde sulla più giovane – Maria, e nel 1648 Alexey Mikhailovich la sposò. Nelle ombre spesse dietro Alexei nella foto di Sedov raffigura un uomo di mezza età. C’è motivo di credere che questo sia lo zio dello zar – il boia Boris Ivanovich Morozov, che dopo la morte di suo padre e sua madre Alessio divenne il suo più stretto confidente. Secondo una leggenda, fu il boiaz Morozov che ordinò di avvelenare Eutimio e organizzò un incontro tra lo zar e Maria Miloslavskaya, poiché lui stesso era innamorato di sua sorella Anna. Quando il re sposò Maria, una settimana dopo suonò un matrimonio con Anna e Boris Ivanovich Morozov.

Quindi rafforzò ancora di più la sua posizione, essendosi sposato con il re, diventando suo cognato. Il XIX secolo passò in Russia sotto il segno dell’hobby della storia nazionale e della vita dei secoli passati. Molti in questo momento catturarono la passione di collezionare antichità.

Successivamente, queste raccolte costituiranno la base della collezione del Museo storico russo di Mosca, aperto nel 1883. Nel film “La scelta della sposa dello zar Alexei Mikhailovich” Sedov dimostra una profonda conoscenza delle realtà quotidiane del passato storico. L’aspetto broccato, satinato, vellutato, i volant ricamati rimovibili, le corone sono assolutamente affidabili e, a quanto pare, sono stati scritti dalla vita. Come il caftano di velluto rosso di segale e stivali ricamati verdi Alexei Mikhailovich. Le ragazze sono vestite con “quattro trecce” – le ragazze indossavano simili capelli sulla questione; dopo il matrimonio, i capelli sono stati intrecciati in due trecce.

L’obiezione dello storico nella foto di Sedov sarebbe stata causata forse dall’anello nuziale d’oro nella mano di Alexey Mikhailovich.

Lo scambio di anelli fu consentito dalla chiesa all’inizio del XVIII-XIX secolo. E la sposa avrebbe dovuto suonare l’anello d’argento, a simboleggiare la luna, e lo sposo – oro, che significa il sole. La passione per la storia e la vita del XVII secolo nella seconda metà del XIX secolo ha dato origine al cosiddetto “stile russo”, che ha avuto un impatto su architettura, arti decorative e applicate, pittura e grafica.

Tra i pittori è stato reso omaggio a K. E. Makovsky, K. V. Lebedev, A. D. Litovchenko, K. B. Venig, G. S. Sedov. “True Rus”, non ancora toccato dalle trasformazioni di Peter, ha attratto artisti.

È vero, hanno mostrato interesse principalmente per la vita di questa era. I personaggi e la psicologia delle persone storiche, così come i problemi del processo storico, hanno preoccupato il gruppo di artisti nominato in misura minore, che li ha distinti da V. I. Surikov, per il quale la storia è un dramma, un groviglio di contraddizioni complesse, un’arena di contrasti di personalità forti. Gli artisti dello “stile russo” – di regola, i rappresentanti della tradizione accademica del salone – erano affascinati principalmente dalla ricchezza di motivi ornamentali e dai colori vivaci dei “motivi russi” del 17 ° secolo.

Il passo successivo nella comprensione della poesia dell’antichità russa, della vita di tutti i giorni, delle leggende storiche e del folklore è stato fatto nelle opere di V. M. Vasnetsov, A. P. Ryabushkin, S. V. Malyutin, in set e costumi per le stagioni del balletto di Dygilev.