La prima neve – Ivan Shishkin

La prima neve   Ivan Shishkin

Nonostante il fatto che i testi non fossero gli elementi di Shishkin, le ha reso omaggio. Tra le opere di Shishkin ce n’è una, passata di solito dai ricercatori. Ed è molto “shishkinskaya”, perché il tema della foresta è chiaramente segnato in esso, e allo stesso tempo è una sorta di eccezione, perché sembra aver rinviato uno stato che non è peculiare di un artista, che è vicino alla “sconforto” delle opere di artisti russi degli anni ’70 del XIX secolo. .

Questa foto si chiama “Prima neve”. Tutto è umido, bagnato, viscoso e triste. Tutto è insolitamente preciso nella sensazione, anche il tocco involontario dell’abisso raffigurato, la neve pesante e molle, l’acqua che scorre, non trattenuta dalla terra, un cielo grigio e scuro e una luce inappropriata che provoca ansia nel panorama del tardo autunno.

Sembra che il realismo di Shishkin abbia raggiunto il suo culmine qui. Non esagera, non accentua, non esagera. L’umore è creato dalla naturalezza più noiosa della foresta umida grezza.

Il naturalismo è salito qui alle sue altezze.