La morte del commissario – Kuzma Sergeevich Petrov-Vodkin

La morte del commissario   Kuzma Sergeevich Petrov Vodkin

Il dipinto “La morte del commissario” è al centro del periodo sovietico di Petrov-Vodkin. La sua creazione è stata preceduta da un’opera così significativa dell’artista, come “Dopo la battaglia”. Uno degli argomenti principali di Petrov-Vodkin, il tema della vita, del sacrificio e della morte è stato risolto qui per la prima volta nelle immagini degli eroi della rivoluzione.

L’incarnazione più profonda di questo argomento è data nel lavoro “La morte del commissario”. La trama si basa su uno degli episodi della brutale guerra civile. Il commissario ferito a morte cade, il suo corpo viene fortemente sostenuto dall’uomo dell’Armata Rossa, il distacco di soldati continua ad andare avanti.

Tuttavia, secondo il concetto sviluppato dall’artista, la scena rappresentata supera il quadro del fatto, passando a un suono filosofico e simbolico. In questo lavoro, il sistema artistico dell’autore, la sua comprensione originale dello spazio pittorico e del sistema cromatico, trovano la loro piena espressione.

Concentrandosi sul gruppo principale, dato un primo piano, il maestro rivela nella foto una notevole profondità spaziale con insediamenti distanti, sagome lisce di colline, con un nastro blu di un fiume. Come attraverso gli occhi di un commissario morente, questo mondo è visto, enorme come un pianeta, e allo stesso tempo vicino e tangibile, acutamente dinamico e congelato. Petrov-Vodkin abbandona la tradizionale prospettiva lineare.

Dal punto di vista compositivo, l’artista si muove in una sequenza rigorosa come se fosse sulla superficie della sfera, il che gli conferisce la massima completezza di copertura.

Questa tecnica di prospettiva sferica svolge il ruolo di una metafora artistica che esprime la posizione filosofica dell’autore in una forma poetica. L’evento rappresentato acquisisce un suono umano cosmico. Ecco la chiave per comprendere l’idea del quadro: il momento in cui la morte del commissario rivela il significato della sua vita, il significato del suo eroico sacrificio, che afferma la rivoluzione.

Con tutta la diversità della costruzione compositiva, l’immagine viene percepita come un insieme plastico. Ciò è in gran parte dovuto alla relazione trovata con precisione tra i contorni della sagoma del gruppo centrale, i dettagli del distacco e del paesaggio, l’unità dell’organizzazione ritmica. Un ruolo significativo nella decisione figurativa è giocato dalla colorazione dell’immagine.

L’intero dipinto è progettato in un’armoniosa combinazione di toni verde-bluastro e ocra.

Il colore dell’immagine enfatizza la profondità dello spazio, enfatizza i piani e i gruppi principali, aiuta a sentire la leggerezza e la trasparenza della foschia bluastra, la materialità, il peso di oggetti e figure. L’accordo teso e drammatico suona nero in combinazione con il rosso nella figura del Commissario. L’equilibrio dei principali piani di colore determina l’integrità e la decoratività della tela.

Per la solenne bellezza della combinazione di colori, l’artista afferma la bellezza morale degli eroi, i loro exploit. Questo lavoro ha riassunto molte delle ricerche pittoriche e filosofiche di Petrov-Vodkin. Inoltre, divenne una delle opere simbolo dell’arte sovietica.